Usa, i vertici delle procure americane dichiarano guerra al file sharing

Usa, i vertici delle procure americane dichiarano guerra al file sharing
Contro il file sharing pirata si stanno mobilitando, negli Usa, anche gli “attorney general”, i ministri della giustizia dei singoli stati della Confederazione da cui dipendono le procure distrettuali. Lo rivela l’Hollywood Reporter, magazine di riferimento per l’industria dello spettacolo americano, appena venuto in possesso di una bozza di lettera firmata dal capo del dipartimento di Giustizia della California, Bill Lockyer, e destinata ai gestori dei programmi peer-to-peer come KaZaA e Grokster.
Lockyer e i suoi colleghi degli altri stati americani vogliono fare pulizia del materiale illecito che circola su Internet: nel loro mirino ci sono soprattutto i pedofili e coloro che approfittano della rete per diffondere informazioni “sensibili” per la sicurezza nazionale, ma anche la tutela dei sistemi informatici dall’attacco dei virus e la protezione dei copyright musicali e cinematografici. “Il file sharing”, recita la lettera che Lockyer e gli altri “attorney” si preparano a spedire ai gestori dei programmi p2p , “si è dimostrato dannoso e costoso per molti cittadini. Scriviamo – continua la missiva – per esprimere la nostra crescente preoccupazione sui rischi a cui vengono sottoposti i consumatori dei nostri stati in conseguenza dell’uso dei vostri software e per l’inadeguatezza delle risposte da voi fornite rispetto a tali rischi”.
Anche se non si sa quando l’iniziativa entrerà nel vivo, negli Usa provoca già polemica l’indiscrezione secondo cui il testo della lettera sarebbe stato redatto (e poi trasmesso a Lockyer) dalla MPAA (Motion Picture Association of America) la potente “lobby” che riunisce le grandi società cinematografiche di Hollywood. Ma Van Stevenson, rappresentante dell’organizzazione per gli affari legislativi, lo ha negato, pur ammettendo di essere parte diretta in causa: “Abbiamo dato un input, certo, noi come altri. E ci fa piacere che Lockyer esprima preoccupazione per questo argomento, dato che cinema e musica sono la linfa vitale dell’economia californiana”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.