UK, dal 6 luglio la classifica inglese dei singoli incorpora lo streaming

UK, dal 6 luglio la classifica inglese dei singoli incorpora lo streaming

A conferma delle voci che circolavano già dal febbraio scorso, a partire dal 6 luglio la classifica ufficiale dei singoli compilata dalla Official Charts Company britannica incorporerà gli audio stream registrati su servizi come Spotify, Deezer, Napster, O2 Tracks, rara.com, Unlimited di Sony Music e Xbox Music (escluse invece le visualizzazioni su YouTube e altre piattaforme video). "Abbiamo cominciato a pensarci seriamente circa sei mesi fa: avevamo osservato una tale crescita nelle cifre dello streaming che era evidente la necessità di intervenire", ha spiegato il direttore della OCC Martin Talbot all'NME. "Dal gennaio 2013 a oggi gli stream sono passati da 100 milioni a 260 milioni a settimana: lo streaming rappresenta un progresso nei confronti del download nello stesso modo in cui quest'ultimo aveva preso il posto di CD e vinili. Le classifiche hanno sempre rispecchiato il modo in cui ogni settimana i consumatori ascoltano le canzoni più popolari. Per progredire e confezionare una chart significativa era necessario incorporare anche lo streaming".

L'NME ricorda che dal 1952 - anno della loro nascita - a oggi le classifiche britanniche avevano conteggiato solo le vendite. In base alle nuove regole, 100 stream (di durata superiore ai 30 secondi) equivarranno a un acquisto: la novità, almeno per il momento, non si estende alle classifiche degli album. "Abbiamo deciso di scegliere una cifra tonda perché è facile da capire", ha spiegato Talbot. "La nostra classifica ha una trasparenza che desideravamo mantenere. Il tetto massimo è di 10 stream al giorno per utente: in questo modo un fan ultraentusiasta degli One Direction che ascolti ininterrottamente il loro nuovo singolo per una settimana non potrà distorcere le cifre".

Le classifiche inglesi hanno cominciato a conteggiare i download a partire dal 2004. Lo streaming audio è già incorporato nelle classifiche di Paesi come gli Stati Uniti, la Norvegia, la Svezia e la Germania, mentre i primi test sperimentali sono stati avviati anche in Italia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.