Mondiali di Calcio Brasile 2014, vietate ai giocatori le cuffie Beats

Mondiali di Calcio Brasile 2014, vietate ai giocatori le cuffie Beats

I giocatori delle squadre partecipanti ai Mondiali di Calcio 2014 in pieno svolgimento in Brasile sono stati diffidati dalla FIFA dall'utilizzare le cuffie della Beats, casa di Dr Dre e Jimmy Iovine recentemente rilevata dalla Apple per la cifra record di 3 miliardi e 200 milioni di dollari, in occasione di match, incontri con la stampa e altre occasioni ufficiali che coinvolgano la Federazione: a rivelarlo è l'agenzia Reuters, che ha spiegato come il provvedimento si sia reso necessario a causa di un accordo, stretto prima dell'inizio dei campionati, con uno degli sponsor del torneo, la Sony, concorrente dell'azienda statunitense.

Poco prima dell'inizio dei mondiali di calcio la Beats aveva regalato ai giocatori più in vista schierati sui campi carioca degli articoli omaggio, nella speranza di guadagnare - davanti alle telecamere - qualche passaggio promozionale gratuito.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.