Comunicato Stampa: Ash in concerto a Milano il 22 marzo

Comunicato Stampa: Ash in concerto a Milano il 22 marzo
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

ASH
In concerto

MAGAZZINI GENERALI
22 Marzo 2004
Presentano Il loro nuovo album
MELTDOWN
Costo del biglietto €. 20 + diritti prevendita, ore d'inizio 21.00, infoline: 02/53006501

Il nuovo album degli Ash: Meltdown, che presenteranno lunedì 22 marzo ai Magazzini Generali, uscirà a fine marzo.
“Questo è il disco più pesante che abbiamo fatto”, dice Tim Wheeler, “A tratti è shockante come un pugno in faccia. La traduzione italiana del titolo è “sciolto” o “squagliato” e non è casuale, le canzoni sono come un mostro rock, capace di scioglierti la faccia.”
Tutto questo è Meltdown, e gli Ash lo presenteranno al pubblico il 22 marzo, ai Magazzini Generali. Oltre a Meltdown, ascolteremo il singolo Clones, Renegade Cavalcade, Orpheus, I Wouldn't Be Saved, Evol Eye; On A Wave, Cool It Down, Argument, Solace,

Gli Ash, la storia:
Gli Ash nascono in Ulster (Nord Irlanda) nel 1989.
A dar vita al gruppo furono il chitarrista e voce Tim Wheeler e il bassista Mark Hamilton all'età di soli dodici anni ispirandosi al heavy metal style.
Con l'uscita del singolo “Jack Names The Plantes”, nel 1994, al gruppo si aggiunge il batterista Rick McMurray. Il successo inaspettato del singolo permette alla band di firmare un contratto con la Infectious Record. Verso la fine del 1994 gli Ash escono con un mini album intitolato Trailer e, l'anno successivo, iniziano a fare da spalla a gruppi importanti come i Suede e gli Elastica. Proprio durante questo periodo esce il singolo che li consacra sulla scena musicale: “Girl From Mars”. Nello stesso anno intraprendono un breve tour in giro per l'america, finendo per suonare in 21 differenti clubs. Nel 1996, grazie anche al supporto nella produzione di Owen Morris (Oasis e Verve), gli Ash comandano dal primo posto la classifica inglese con il nuovo album 1977 che diventerà il miglior album dell'anno nel Regno Unito. Due anni dopo, nel 1998, esce Nu-Clear Sounds e al gruppo si aggrega una nuova chitarrista Charlotte Hathrly (finisce il capitolo 1977).
Nel 2001 gli Ash riconquistano la scena musicale con l'album Free All Angels, riconosciuto dalla stampa inglese come miglior album finora prodotto dalla band.
Dopo un lungo tour in Europa gli Ash affiancano a “Free All Angels” un altro cd: Free All Angels European Tour Edition, che contiene alcuni brani scritti e realizzati in tour, altri invece sono live di Free All Angels e in più i video di Sometimes e Candy.
Il 27 febbraio del 2002 ricevono il NME award per il miglior singolo dell'anno, Burn Baby Burn! Nel settembre del 2002 gli Ash decidono di far uscire il primo greatest hits, in doppio cd, intitolato Intergalacitc Sonic 7”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.