Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 13/06/2014

Londra, l'archivio di Glastonbury in mostra al Victoria & Albert Museum

Londra, l'archivio di Glastonbury in mostra al Victoria & Albert Museum

Programmi, poster, contratti, lettere, documenti, t-shirt e merchandising, ma anche interviste, fotografie e filmati inediti entreranno a far parte di un archivio storico dedicato al festival di Glastonbury, la cui esistenza - la prima edizione risale al 1970 - supera ormai i quarant'anni di età. Ad occuparsi dell'allestimento sarà il prestigioso Victoria & Albert Museum di Londra, che ospiterà anche opere realizzate per il festival da pittori, scultori e designer utilizzando sul posto materiale riciclato come bidoni e scarti in metallo: una prima mostra, informa il settimanale inglese Music Week, verrà allestita nelle Theater and Performance Galleries del museo dal marzo del 2015 al gennaio del 2016.

"Quando iniziai questo folle viaggio hippy, 44 anni fa, non avevo idea di cosa questa corsa in ottovolante sarebbe diventata", ricorda il fondatore Michael Eavis. "Oggi, però, ogni volta che mi sveglio devo darmi un pizzicotto, tale è l'eccitazione che si prova ad affrontare un altro giorno trascorso a coordinare un gruppo di artisti tra i più creativi del mondo". "Il V&A", ha aggiunto il settantottenne fattore/impresario, "è un posto che ispira, e sembra essere la dimora naturale per il nostro archivio in continua evoluzione. Grazie ad esso potremo mostrare a chiunque, e non solo a chi viene al festival, quel che facciamo".

"Tutte le aree della performance dal vivo sono rappresentate nelle collezioni della V&A, così da documentare tanto la storia che l'attualità delle arti dello spettacolo nel Regno Unito", ha spiegato il direttore del museo Martin Roth. "Siamo onorati di ospitare l'archivio di Glastonbury, un festival che ha saputo attrarre una gamma straordinaria e senza parti di espressioni creative in ogni campo della performance. L'archivio è interessante non solo per la sua varietà ma anche in quanto rappresenta una affascinante testimonianza delle trasformazioni sociali, politiche e artistiche che sono avvenute nel Regno Unito".