Michael Huppe (SoundExchange): 'Le radio commerciali nocive alla discografia'

Michael Huppe (SoundExchange): 'Le radio commerciali nocive alla discografia'

Ha suscitato un acceso dibattito la provocazione con la quale Michael Huppe, amministratore delegato di SoundExchange, società di collecting con sede a Washington DC, ha aperto il discorso inaugurale del New Music Seminar di New York: il ceo della società statunitense ha senza mezzi individuato nella radiofonia il primo male dell'industria musicale.

"Se, per ipotesi, domani le radio commerciale sparissero, secondo voi le vendite dei dischi calerebbero o si alzerebbero?", ha arringato la platea Huppe, stimando in 17 miliardi di dollari il ricavo complessivo annuale del panorama FM a stelle e strisce: l'etere, oltre che a non corrispondere - secondo Huppe - una quota equa al proprio partner discografico, ormai sarebbe inutile persino come termometro delle tendenze musicali presso il pubblico. In sostanza, le radio non solo sarebbero inutili, ma drenerebbero risorse a una già anemica industria del disco.

A sostegno della sua tesi, Huppe ha portato tre casi esemplari: il primo si riferisce alla stagnazione nelle vendite discografiche tra gli anni Venti e Quaranta, alba dell'epoca radiofonica, il secondo al "trascurabile impatto" avuto sulle vendite dall'avvento delle emittenti commerciali britanniche negli anni Settanta, e il terzo su una radio tematica newyorchese, la NASH-FM, completamente dedicata al country, che però non ha saputo risollevare le vendite del genere nella zona della Grande Mela.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.