Musica on-line: news, download e reperti d'archivio sul portale Web della Rai

E' on-line da ieri, lunedì 1° marzo, il “portale della musica” allestito da Rai (www.cd.rai.it): un contenitore a metà tra sito d'informazione specializzata e negozio elettronico, con notizie, classifiche, contenuti redazionali originali, musica in downloading, vendita di articoli in mail order, funzioni interattive e di “community” per gli utenti del Web. Rai Trade, ramo commerciale dell'azienda radiotelevisiva pubblica, lo ha realizzato in stretta sinergia con altre aziende del gruppo di viale Mazzini (Rai Net per la gestione delle infrastrutture tecnologiche; il canale televisivo Raidue per una parte dei contenuti) ma con un modello di business aperto a molteplici partnership esterne, alcune delle quali già operative.

“E' un progetto su cui stavamo ragionando da circa dieci mesi” ha spiegato a Rockol Dino Piretti, direttore responsabile di Rai Trade SpA. “Siamo editori musicali, da qualche anno abbiamo cominciato a fare produzioni discografiche (anche di un certo successo: come “Cixiri” delle Balentes), in Rai disponiamo di un'orchestra, di un archivio di registrazioni storiche, di strutture e programmi che lavorano a tempo pieno sulla musica. Insomma: era arrivato il momento di rispondere a precise esigenze editoriali del gruppo e, al tempo stesso, di provare a sfruttare le nuove opportunità commerciali che si aprono sui mercati”. Con quali investimenti? “Questi sono dati riservati. Ma il fatto che si tratti di un'operazione dell'intero gruppo Rai, che coinvolge diverse strutture e diverse direzioni all'interno dell'azienda, ci mette evidentemente a disposizione mezzi e risorse di una certa entità”.

Rispetto a siti nazionali preesistenti, il portale Rai tenderà a differenziarsi per la forte interconnessione tra Internet e televisione, oltre che per il mix tra informazione (curata da una redazione interna) e attività commerciali, queste ultime supportate da fornitori esterni di servizi: Buongiorno Vitaminic per la vendita di musica in download, di loghi e suonerie; Ticket One per la vendita di biglietti per concerti e spettacoli; mentre altri partner, per ora non annunciati, offriranno supporto per la commercializzazione di supporti musicali (Cd, Dvd e Vhs), gadget e merchandising.

Su entrambi i fronti, commercio elettronico e notizie, cd.rai.it conta di mettere a disposizione contenuti esclusivi: filmati, interviste, chat interattive con gli artisti e altri materiali forniti o anche realizzati appositamente per il sito da CD: Live, il programma televisivo di RaiDue (prodotto in collaborazione con M.A.D.E.) che va in onda tutti i sabati pomeriggio; ma anche, nell'area “shop”, produzioni discografiche di RaiTrade e reperti recuperati dagli archivi Rai e riversati in formato digitale. Piretti non ne anticipa i contenuti: “Per ora è solo un modello, un'ipotesi di lavoro che si concretizzerà un poco alla volta. Potrebbe trattarsi di brani di musica classica o jazz su cui sono scaduti i diritti degli interpreti, per esempio, ma anche di materiali recenti su cui la Rai possiede non solo i diritti di diffusione ma anche quelli di sfruttamento commerciale”. “E poi”, aggiunge, “anche il nostro negozio musicale sarà personalizzato: Buongiorno Vitaminic ci mette a disposizione un catalogo su cui noi operiamo una selezione. Siamo in una fase di test, ma già a fine mese dovremmo avere 300 mila brani disponibili per la vendita in download”. A che prezzi? “I più bassi possibili, compatibilmente con i compensi da versare a case discografiche e agli altri aventi diritto”. “Abbiamo cercato di realizzare un prodotto il più ampio e ricco possibile”, conclude Piretti. “Ci auguriamo che un sito come questo, che fornisce notizie e permette di acquistare prodotti fisici e digitali, ma anche di partecipare a concorsi e di dialogare con gli artisti preferiti, possa diventare un elemento di attrazione per i molti appassionati di musica che navigano su Internet”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.