‘Il Festival va distrutto’, scrive Adriano Celentano

‘Il Festival va distrutto’, scrive Adriano Celentano
Adriano Celentano, “cantante” (come spiega un asterisco), scrive al “Corriere della Sera” per parlare a Tony Renis. Nella lettera, che inizia sulla prima pagina del quotidiano ed è scritta nel solito italiano un po’ naif del “Celebre”, Celentano dice fra l’altro: “L’unica medicina per risollevare le sorti del Festival è distruggerlo definitivamente. Solo così può rinascere” e “Se vado al Festival vado come cantante e quindi per vincere. Ma per vincere ci vuole una gara... e io con chi vinco?”

Sul tema, un Marco Mangiarotti, ora divenuto assai critico nei confronti di Tony Renis e del suo Festival, scrive su QN che Claudia Mori, moglie di Celentano, intervistata qualche settimana fa gli aveva detto: “Tony ha chiamato Adriano per Sanremo, ma lui non ci pensa nemmeno”. (fonte: Corriere della Sera, QN)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.