Comunicato Stampa: Paola Turci in concerto a Pordenone

Comunicato Stampa: Paola Turci in concerto a Pordenone
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

PAOLA TURCI
in concerto

Venerdì 26 Marzo 2004
Deposito Giordani
VIA PRASECCO, 13 – PORDENONE
50 mt dall'Università

UNICA DATA IN TRIVENETO PER LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO ALBUM
COSTO DEL BIGLIETTO € 10,00
Apertura porte ore 20:30
Inizio concerto ore 21:00

L'idea è semplice ed efficace: una “ragazza con la chitarra”, una bella voce e una presenza solare, da lanciare in Italia sulla scia del ritrovato interesse per la musica acustica al femminile.
Si chiama Stato di calma apparente l'album di Paola Turci uscito il 30 gennaio 2004.
L'intero progetto discografico, che prevede anche la realizzazione di un Dvd, è segnato da un profondo impegno personale di Paola: la cantautrice romana è infatti direttamente coinvolta nella produzione dell'album, registrato in presa diretta perché restituisse parte dell'energia e dell'intensità delle esecuzioni live. Inoltre la track list è composta da brani particolarmente densi di significati: 12 canzoni del vasto repertorio dell'artista, oltre a due inediti, La tua voce e Il gigante, e a una cover di Chavela Vargas, Paloma Negra, cantata in lingua originale.
Ispirato da una serie di racconti di Adriano Sofri, dalla sua condizione di reclusione, Il Gigante, rappresenta "il potere, la mistificazione dei media, i governanti"; è l'immagine di "un uomo al vento delle parole senza senso / al centro dell'informazione, nel ricatto del consenso". "Ho preso spunto dalla storia di un uomo schiacciato, ingabbiato da una situazione più grande di lui", - spiega la Turci. Alla luce delle affermazioni della stessa artista, la riflessione sul potere si rivela centrale nel brano: la sua presenza opprimente e impalpabile, il suo pericoloso accentramento nelle mani di pochi, lo strapotere dei media.
Anche La tua voce, cantata con un'intensità che ricorda le interpretazioni di PJ Harvey, è una canzone solo apparentemente d'amore sul filo tenue che lega due persone. In realtà è "il proseguimento delle storie che ho raccontato finora", come sottolinea Paola, quelle storie di soprusi e ribellioni, sogni infranti e grandi speranze, narrate qui con toni e sonorità più intimistici. Sulle stesse corde i brani di repertorio: da Frontiera, sui viaggi della speranza e sul mito di un'America "che ancora aspettava il suo Dio", a Bambini, sullo sfruttamento e la mercificazione dell'infanzia disagiata.
Il titolo stesso dell'album, Stato di calma apparente, prende il nome dalla prima canzone di cui Paola è stata autrice oltre che interprete.
La regia del Dvd, racconto filmato di quest'esperienza, è firmata da Pier Giorgio Bellocchio, che ha voluto restituire nelle immagini e nei colori lo stesso sapore vintage della registrazione in presa diretta, tipica degli anni Settanta, con la sua ruvida ma calda essenzialità.
Registrato alla presenza di alcuni amici, il Dvd – in uscita il 13 febbraio - contiene anche alcune tracce non incluse nel Cd: una versione emozionante di Stringimi stringiamoci cantato a cappella con il pubblico, Armata fino ai denti, in cui Paola canta: "mi difendo con forza e brutalità dagli abusi dei potenti" e Verso casa, struggente ballad che racconta la nostalgia per una persona che non c'è più.
Per la registrazione del disco, come negli ultimi tour, hanno suonato ancora con Paola, Fernando Pantini alle chitarre, Gianluca Misiti alle tastiere e rhodes, Alessandro Canini alla batteria e Francesco Chiari al basso. Due le novità nell'ensemble: Josè Ramon Caraballo Armas, che con le sue percussioni porta suggestioni cubane alla ricca trama sonora intessuta dal gruppo, e Carlo U. Rossi, sound engineer, che - come ha già dimostrato lavorando al fianco di artisti come Jovanotti, Ligabue, Subsonica e i 99 Posse - ha saputo amalgamare, arricchire e valorizzare i singoli contributi.

biografia
Nel 1986 Paola Turci debutta così al Festival di Sanremo aggiudicandosi il Premio della Critica con “L'uomo di ieri”, presentata dalla IT di Vincenzo Micocci, lo scopritore di Venditti e De Gregori. Paola torna a Sanremo nel 1987 con “Primo tango” e nell' '88 con “Sarò bellissima”, entrambi brani premiati dalla critica e inclusi nel suo primo album, RAGAZZA SOLA, RAGAZZA BLU, prodotto da Mario Castelnuovo e Gaio Chiocchio.
Il discreto successo la riporta a Sanremo con “Bambini”, brano che le consente di vincere il Festival nella sezione Nuove Proposte (oltre a un nuovo Premio della Critica) e di lanciare con il giusto rilievo il suo secondo album, PAOLA TURCI (1989), che contiene l'ormai classico “Ti amerò lo stesso”. I concerti estivi preludono al lavoro per un nuovo album, anticipato ancora da una partecipazione sanremese con il brano “Ringrazio Dio”: il disco si intitola RITORNO AL PRESENTE (1990) e contiene “Frontiera”, un piccolo gioiello.
Nel 1991 arriva CANDIDO, concept album ispirato al personaggio voltairriano, caratterizzato da una scrittura che acquista profondità senza rinunciare alla piacevolezza e alla semplicità. Nel 1993, contemporaneamente alla pubblicazione del celebratissimo RAGAZZE (BMG), la vita di Paola subisce un duro contraccolpo in seguito a un grave incidente automobilistico. L'album – scritto da Paola e Gaio Chiocchio - è trainato da una nuova partecipazione sanremese con “Stato di calma apparente” e dal singolo scritto per lei da Luca Carboni, “Io e Maria”. Una riprova evidente del nuovo percorso arriva con UNA SGOMMATA E VIA (1995), un disco dal piglio decisamente rock che porta le firme di Vasco Rossi e del suo produttore Guido Elmi. Nel 1996 arriva una nuova partecipazione al Festival di Sanremo con “Volo così”, insieme a “La felicità” unico inedito di una raccolta di successi intitolata VOLO COSI' 1986-1996.
L'arrivo alla WEA coincide con un nuovo percorso più decisamente pop-rock, inaugurato da OLTRE LE NUVOLE (1997), raccolta di canzoni degli anni '80 tradotte in italiano: "Sai che è un attimo", "Mi manchi tu" (cover di “Missing you” di John Waite), e l'inedita “Solo come me”, presentata a Sanremo 1998. L'album ha un grande successo e raggiunge il disco di platino, spianando la strada a un disco di inediti, MI BASTA IL PARADISO (2000), contenente “Sabbia bagnata”, scritta a quattro mani con Carmen Consoli. L'album è ripubblicato nel 2001 con l'inedito “Saluto l'inverno”, scritto anche questo insieme a Carmen Consoli. Più che mai intenzionata a comporre canzoni e cantarle senza troppi fronzoli, Paola pubblica, con la NUN Entertainment, QUESTA PARTE DI MONDO: brani nati da una ritrovata voglia di riflettere e di comunicare, suonati con pochi musicisti e un paio di presenze di prestigio (il Solis String Quartet e Massimo Giuntini dei Modena City Ramblers).
Contemporaneamente all'uscita di Questa parte di mondo, inizia un'intensa attività live: un anno sui palchi durante il quale Paola riarrangia – di fatto riscrive – canzoni dell'intero repertorio che raccogliere ora in un nuovo album, STATO DI CALMA APPARENTE (On the Road Music Factory, 2004). Due inediti (Il gigante e La tua voce), una cover (Paloma negra) e dodici canzoni del passato per un progetto che “unisce diverse prospettive di una stessa anima”.

PREVENDITE:
PORDENONE PLASTIC Piazzetta dei Domenicani, 3 tel. 0434 242065
TRIESTE UTAT VIAGGI Galleria Protti 2 tel. 040 630063

PER INFO Deposito Giordani tel. 0434 208934 info@depositogiordani.com www.depositogiordani.com
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.