Compilation, il meglio di Sony (e altro) passato dal M.E.I.

Trova uno sbocco discografico major il Meeting delle Etichette Indipendenti, iniziativa che da vent'anni richiama annualmente a Faeza artisti e operatori del settore discografico indie italiano: la doppia raccolta "Mei 20 Anni, 1994-2014: un viaggio nel miglior rock indipendente italiano" in uscita il prossimo 17 giugno si propone di offrire agli ascoltatori una selezione di band e artisti che negli anni sono passati sui palchi dell'evento romagnolo, con - come spiega il giornalista Federico Guglielmi, che con Giordano Sangiorgi (storico patron del MEI) e Paolo Maiorino e Renato Tanchis, entrambi discografici della Sony Music italiana ha lavorato alla compilazione dell'antologia - "un orientamento generale voleva essere rock e che, con minime eccezioni", che ha fatto preferire "artisti 'consolidati' e che cantano in italiano ai giovani/emergenti e/o votati all‘inglese.

Per i brani, invece, ho privilegiato le 'hit' (con tutte le virgolette del caso), ma inserendo anche gemme meno conosciute".

Una compilation, comunque, parziale, perché - come spiegato sempre da Guglielmi, "la base di partenza è stata identificata in una quindicina tra gruppi e solisti che, pur vantando una lunga o breve militanza indipendente, hanno realizzato dischi presenti nel catalogo di quella Sony Music che, con entusiasmo, ha sponsorizzato il progetto", che quindi non include per il momento uscite di altri artisti - per esempio, i Baustelle, presenti con "La canzone di Alain Delon" da “La moda del lento” del 2003, ultimo album indie (per la Mimo) prima del passaggio, avvenuto con "La malavita" nel 2005, alla concorrente Warner - che abbiano proseguito presso una major la propria carriera. Anche se, sempre Guglielmi, non esclude - date anche le "assenze che fanno sanguinare il cuore" - un 'Volume 2', se non addirittura un cofanetto storico capace di raccontare in modo totalmente esaustivo la sfaccettata e pirotecnica vicenda del nostro rock indipendente".

A questo indirizzo sono disponibili i dettagli e la tracklist della pubblicazione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.