Indies vs. YouTube: chiesto l'intervento della Commissione Europea

Finisce davanti alla Commissione Europea la querelle tra etichette discografiche indipendenti e YouTube, che per il suo imminente servizio di streaming audio impone alle indies condizioni economiche considerate inaccettabili con la minaccia ulteriore di bloccare la diffusione dei contenuti in caso di mancato accordo. La chiamata in causa di Joaquin Almunia, commissario europeo alla concorrenza, dovrebbe essere ufficializzato oggi a Londra, dopo che anche la Featured Artists Coalition, Impala e altre associazioni europee di categoria si sono unite alle proteste inizialmente espresse da Alison Wenham per conto di WIN (Worldwide Independent Network). Saranno proprio quest'ultima e Impala a sporgere reclamo presso la CE, chiedendo misure urgenti che impediscano a YouTube di abusare della sua posizione dominante nei confronti delle controparti che non firmano accordi di licenza non negoziabili. "YouTube", ha sostenuto il presidente esecutivo dell'associazione delle indies europee Helen Smith, "si sta comportando come un dinosauro e cerca di censurare quel che non le piace. E' un atteggiamento completamente fuori sintonia in Europa, dal momento che la Commissione Europea insiste sistematicamente sul fatto che i cittadini debbano essere messi in grado di accedere alla diversità delle proposte culturali e di scegliere ciò che desiderano. L'Europa ha già dovuto assumere la linea dura con Google su questioni come le ricerche online e la privacy. Un pronto intervento nei confronti di YouTube dev'essere il prossimo passo". Ancora più duro il commento di Mark Chung, dell'associazione tedesca VUT: "Provenendo da una corporation i cui eserciti di lobbisti, agenti PR e blogger a libro paga si impegnano senza sosta a spacciare i suoi interessi aziendali come promozione della 'libera espressione' contro ogni forma di 'censura', la rimozione di video musicali legali con l'obiettivo di allargare il dominio della società su un altro giovane mercato in via di sviluppo è un atteggiamento che va oltre il cinismo".

    Finisce davanti alla Commissione Europea la querelle tra etichette discografiche indipendenti e YouTube, che per il suo imminente servizio di streaming audio impone alle indies condizioni economiche considerate inaccettabili con la minaccia ulteriore di bloccare la diffusione dei contenuti in caso di mancato accordo. La chiamata in causa di Joaquin Almunia, commissario europeo alla concorrenza, dovrebbe essere ufficializzato oggi a Londra, dopo che anche la Featured Artists Coalition, Impala e altre associazioni europee di categoria si sono unite alle proteste inizialmente espresse da Alison Wenham per conto di WIN (Worldwide Independent Network). Saranno proprio quest'ultima e Impala a sporgere reclamo presso la CE, chiedendo misure urgenti che impediscano a YouTube di abusare della sua posizione dominante nei confronti delle controparti che non firmano accordi di licenza non negoziabili. "YouTube", ha sostenuto il presidente esecutivo dell'associazione delle indies europee Helen Smith, "si sta comportando come un dinosauro e cerca di censurare quel che non le piace. E' un atteggiamento completamente fuori sintonia in Europa, dal momento che la Commissione Europea insiste sistematicamente sul fatto che i cittadini debbano essere messi in grado di accedere alla diversità delle proposte culturali e di scegliere ciò che desiderano. L'Europa ha già dovuto assumere la linea dura con Google su questioni come le ricerche online e la privacy. Un pronto intervento nei confronti di YouTube dev'essere il prossimo passo". Ancora più duro il commento di Mark Chung, dell'associazione tedesca VUT: "Provenendo da una corporation i cui eserciti di lobbisti, agenti PR e blogger a libro paga si impegnano senza sosta a spacciare i suoi interessi aziendali come promozione della 'libera espressione' contro ogni forma di 'censura', la rimozione di video musicali legali con l'obiettivo di allargare il dominio della società su un altro giovane mercato in via di sviluppo è un atteggiamento che va oltre il cinismo".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.