Comunicato Stampa: Love & Arthur Lee in concerto al Motion di Zingonia (Bg)

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

LOVE & ARTHUR LEE

Live @
MARTEDI' 9 MARZO
MOTION
ZINGONIA (BG)

APERTURA CANCELLI: 20:00
INIZIO CONCERTO: 21:00
PREZZO BIGLIETTO: 13 euro
Prevendite abituali
INFOLINE: 339 4157831

Genere: Rock Psichedelico/ Folk
Paese di provenienza: California
Discografia: 1966 Love Sundazed
1967 Da Capo Sundazed
1967 Forever Changes Sundazed
1969 Four Sail Sundazed
1969 Out Here MCA
1970 False Start Beat Goes On
1974 Reel to Real RSO
1982 Love Live Rhino
1982 Studio/Live MCA
2001 Forever Changes [2001 Deluxe Edition] Rhino
2001 Electrically Speaking Yeaah
2002 Five String Serenade Last Call
2002 Four Sail [Bonus Tracks] Elektra
2002 Da Capo [Mono/Stereo] Elektra
2002 Love [Mono/Stereo] Warner
2003 Forever Changes Concert [live] Snapper Music

Sito: www.lovewitharthurlee.com

Nei primi anni '60, Arthur Lee, voce e autore dei testi di Love, dà inizio alla sua carriera di musicista componendo alcuni singoli.
Scrive inoltre e registra una session per Rosa Lee Brooks che vedeva anche Jimi Hendrix come session guitarist.
Arthur Lee era un ragazzo alla disperata ricerca della formula che gli avrebbe permesso di diventare una star.
Ma Lee, imbocca la strada giusta quando, nel 1965, a Los Angeles, fonda una delle band più innovative del tempo, che darà il via alla nascita della corrente garage/folk/psichedelica: i Love, appunto. Originariamente i Love suonavano con il nome di The Grass Roots, ma a Los Angeles un'altra band che aveva lo stesso nome e firmò un contratto con la Dunhill.... Lee cambiò il nome al gruppo. Inizialmente il loro successo fu deciso nei club di los Angeles e presto diventarono anche la prima band largamente acclamata come gruppo cult/underground della scena losangelina. Il loro successo deriva dal sound del tutto particolare che vede i Love partire dal folk rock dei Byrds, ai quali aggiungono l'hard rock degli Stones e poi il blues, furiose strutture jazz, interludi di chitarra spagnoleggianti, flamenco e anche un po' di leggera orchestra pop (definito Baroque Pop). I Love sono uno dei primi gruppi che integrano il rock con altri generi creando un genere sperimentale che li eleva, grazie anche al genio di Lee che, nonostante all'epoca fosse solo ventenne, si rivela da subito uno dei più idiosincratici, poliedrici ed enigmatici talenti degli anni '60.
La band (che includeva anche Bryan Maclean, cantante e co-autore dei testi), registra tre album per l' Elektra (un'etichetta folk, che aveva giusto cominciato a espandersi nel mondo del rock: aveva appena registrato materiale riguardante i primi Byrds e i Lovin' Spoonful, e appena realizzato il primo LP di Paul Butterfield), incluso “Forever Changes” , un album molto apprezzato dalla critica che lo definisce uno dei lavori migliori nella storia del rock.
Tra l'altro, prima di registrare questo album, la band aveva già avuto grossi problemi di disorganizzazione e Lee aveva grossi problemi di droga, tanto che la casa discografica aveva pensato di sostituirlo. In realtà la band si ricompattò e creò uno dei lavori più entusiasmanti da loro mai realizzati. Nel 1968 però Lee decide che i Love non potevano più essere una vera band, così cacciò tutti gli altri componenti e cominciò a registrare con gruppi improvvisati e sessionman… La fortuna abbandona presto i Love e Lee, dopo il fallimento della band, esaspera i suoi cattivi comportamenti e la droga comincia ad avere il sopravvento.
Gli insuccessi con i Love, lo portano a tentare la carriera solista: nel 1972 esce “Vindicator”, ma la scia degli insuccessi travolge anche questo progetto. Lee continua comunque a stare sulla scena con piccoli show e tour ma raramente torna in studio o scrive nuove canzoni.
Nel 1994, Lee ha registrato un nuovo singolo "Midnight Sun"/"Girl on Fire", la cui b-side contiene dei pezzi di un album registrato molti anni prima con Jimi Hendrix. Il pezzo non andò male ma i problemi di Lee con la legge presero il sopravvento. Nel 1995 Lee entrò nell'appartamento della sua ex-fidanzata e cercò di dargli fuoco. Fu cacciato dalla Rhino records che, tra l'altro, aveva appena finito di realizzare “Love Story Compilation” . Nel 1996, fu arrestato per avere sparato in aria un colpo di fucile durante una discussione con un vicino e fu accusato di possesso illegittimo di arma da fuoco.
Grazie alle leggi della California, Lee (che negli anni '80 era stato anche segnalato per possesso di droga), se la cavò, per modo di dire, con una sentenza che lo condannava dagli 8 ai 12 anni di prigione. Nel 2000 la Rhino Records stampò una expanded version del successo “Forever Changes”, giusto per ricordare quanto il talento di Arthur Lee avesse fatto di buono e, il 12 Dicembre del 2001, Lee uscì di prigione dopo che gli erano stati abbuonati 6 anni della sentenza originale.
Fortunatamente per Lee,che ha ancora qualche conto in sospeso con la giustizia, e per chi crede che abbia ancora qualcosa di buono da dire, un appello della corte federale della California Lee è attualmente libero. Nel gennaio 2003, i Love e Arthur Lee portano “Forever Changes” a Londra per la prima volta. Suonano al Royal Festival Hall davanti ad un pubblico entusiasta.
Lo show ebbe un enorme successo: i Love erano accompagnati da una piccola orchestra scandinava di otto componenti, che suonavano strumenti come il corno.
Più che una ripetizione dell'album, i Love si sono dati ad una rilettura che sorprende e d incuriosisce grazie anche alla presenza di questa piccola orchestra.
Il progetto ha avuto talmente successo che è diventato un disco, Forever Changes Concert, pubblicato in Italia da Edel e verrà presentato nella data di Zingonia di questa sera.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.