Addio ai megastore Virgin: il tribunale ha dichiarato il fallimento

Ironia della sorte: Richard Branson sbarca in Italia per il party di lancio dei centri di benessere e fitness contraddistinti dal marchio Virgin Active (una palestra già aperta a Genova, una in funzione da marzo a Bologna, successive aperture già programmate a Roma, Milano e Torino per un investimento complessivo valutato in 70 milioni di euro) proprio quando per i suoi (ex) Virgin Megastores arriva il certificato di morte definitivo.
Per Virgin Retail Italy srl, la società che dal giugno 2002 era in mano all'imprenditrice Laura Alessi (vedi News) e che gestiva i quattro punti vendita di Milano, Bergamo, Padova e Bologna, è arrivata la dichiarazione di fallimento, pronunciata il 5 febbraio scorso dal Tribunale Ordinario di Milano, Sezione 2a Civile, e depositata quattro giorni dopo. Contestualmente, i magistrati (che hanno agito su istanza dei creditori, le società Autogrill, Self Distribuzione e L'Innominato) hanno nominato il procuratore fallimentare che dovrà anche provvedere ad inoltrare le lettere di licenziamento ai 31 dipendenti rimasti in organico sul territorio nazionale.
Questi ultimi, intanto, segnano un punto a favore nella vertenza che li vede in conflitto con la proprietà dell'azienda. La federazione Filcams-CGIL che li rappresenta ha ottenuto dalla Sezione Lavoro del Tribunale di Milano la condanna di Virgin Retail Italy per condotta antisindacale: in base al dispositivo della sentenza la società è tenuta a rimborsare ai dipendenti le trattenute in busta paga superiori alle ore di sciopero effettivamente esercitate dal personale, a corrispondergli gli stipendi per l'inattività forzata conseguente alla serrata senza preavviso del megastore milanese (avvenuta il 24 dicembre scorso, vedi News), a risarcire lo stesso sindacato dei danni cagionati (per un importo di 10 mila euro) e a pagare le spese legali (3 mila euro).
La Alessi e i suoi legali non si sono presentati finora in tribunale: avranno facoltà di farlo il 17 maggio prossimo, data fissata per un'udienza con i creditori.
Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.