Musica EDM in crescita: un business da 6 miliardi di dollari

Dai rave illegali al mercato internazionale, dalla fruizione di nicchia a quella internazionale, l'EDM si rivela ad oggi come il genere predominante nell'industria discografica. 

Con alfieri del calibro di Calvin Harris, Skrillex, Deadmau5, David Guetta, Tiesto e molti altri ancora, l' electronic music dance si è trasformata in un business dal valore di più di 6.000 milioni di dollari, non solo grazie alla musica venduta, ma anche e sopratutto tramite spettacoli dal vivo, festival ed eventi di vario genere, vendite di software e hardware per creare musica. Questo secondo un rapporto rivelato all'International Music Summit di Ibiza e riportato da Rockol.com

I dati rilasciati da Nielsen SoundScan mostrano che l'EDM ha registrato un enorme incremento di vendite sia in America che in UK nel 2013, espandendo poi la sua fortuna in tutti i campi del settore: i Daft Punk, per esempio, sono stati la prima band dance ad aggiudicarsi il Grammy per l' "Album dell'anno" con il loro "Random access memories", nonché per la "Canzone dell'anno" con "Get lucky"; alcuni dei più importanti festival internazionali stanno poi inserendo sempre più artisti dance nei loro cartelloni, mentre festival EDM stanno ampliando i loro confini in tutto il mondo. 

 

Un' altra tappa fondamentale nella crescita dell'EDM su scala mondiale è stata raggiunta con l'ingresso del gruppo SFX Entertainment di Robert Sillerman nel NASDAQ, il mercato borsistico elettronico americano. E il colosso della musica dance/elettronica ha dichiarato di voler accrescere ulteriormente la sua presenza sul mercato, puntando ad organizzare circa 70 tra festival ed eventi vari solo quest'anno. 

 

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.