Gianni Morandi, il 'Solo insieme live 7.0' a Roma: live report

Gianni Morandi, il 'Solo insieme live 7.0' a Roma: live report

"Che bello tornare a cantare a Roma, in mezzo alla gente; l'ultima volta che mi sono esibito davanti al pubblico della Capitale è stato cinque anni fa. Successivamente, mi sono dedicato alla televisione e al cinema, lasciando da parte la musica per un po'. Tornare a fare il mio mestiere, però, è stato bellissimo": è un Gianni Morandi pieno di entusiasmo quello del "Solo insieme live 7.0", la tournée che - dallo scorso 7 maggio, con l'anteprima di Roccaraso - lo sta portando in giro per l'Italia per presentare dal vivo alcuni dei brani contenuti all'interno della sua ultima fatica discografica "Bisogna vivere" e per festeggiare con il pubblico i suoi cinquantadue anni di carriera. Dopo aver fatto visita, negli scorsi giorni, a Bologna e a Torino, ieri sera il tour ha fatto tappa a Roma; ad accogliere il cantante di Monghidoro e i suoi quindici musicisti, un PalaLottomatica gremito per l'occasione (non solo nonne tra gli spalti, ma anche tanti bambini - a testimoniare proprio la "trasversalità" del pubblico di Morandi).

Il "Solo insieme live 7.0" è uno spettacolo decisamente pop (un termine, questo, che è da intendersi come abbreviazione di "popular", popolare); quarantasette i brani in scaletta, che Morandi (che quest'anno spegnerà ben settanta candeline) esegue uno dietro l'altro, tutti d'un fiato, senza pause. In due ore e mezza di musica, il cantante sembra quasi ripercorrere questi cinquantadue anni di carriera (la musica di Morandi, possiamo dirlo senza troppi giri di parole, ha attraversato gli ultimi cinquant'anni della musica italiana e si è evoluta a seconda dei gusti del pubblico e degli stili e dei generi in voga): si va dai brani di storici musicarelli come "In ginocchio da te", "Non son degno di te" e "Se perdo anche te" agli ultimi brani consegnati al mercato (quelli contenuti all'interno di "Bisogna vivere", come "Prima che tutto finisca" e "Ogni vita è grande"), passando per "Occhi di ragazza" e "Il mondo cambierà" (pubblicati all'inizio degli anni Settanta - eseguiti in un medley comprendente anche "Dimmi adesso con chi sei", "Questa vita cambierà", "Canzone libera" e "Al bar si muore"), "Si può dare di più" (primo posto al Festival di Sanremo nel 1987) e ballad tipicamente anni Novanta come "In amore" (proposta in duetto con una delle coriste).

Proprio perché i quarantasette brani che compongono la scaletta dello spettacolo vengono eseguiti uno dietro l'altro, in un flusso musicale ininterrotto, non è possibile suddividere idealmente il concerto in alcune sezioni ma in alcuni momenti significativi: se, infatti, l'intero show è pervaso da un certo entusiasmo e da un'atmosfera quasi da festa ("Chi l'avrebbe mai detto che a settant'anni mi sarei ritrovato su un palco a cantare ancora queste canzoni", scherza con il pubblico Gianni dopo aver proposto, con la stessa grinta e con la stessa energia di cinquant'anni fa, brani come "Andavo a 100 all'ora" e "Fatti mandare dalla mamma"), non mancano episodi più seriosi in cui le atmosfere si abbassano di tono ("Ti penso e cambia il mondo") o altri più intensi (è questo il caso di "BellEmilia": "Durante i mesi in cui stavo lavorando al mio ultimo disco cercavo nuove canzoni", racconta Morandi prima di eseguire il brano, "'BellEmilia' mi è arrivata tramite Facebook ed è stata scritta da un mio conterraneo la notte dopo il terremoto che, recentemente, ha colpito l'Emilia"). In chiusura del concerto, prima del bis (durante il quale il cantante di Monghidoro ospita anche una proposta di matrimonio, sulle note di "In ginocchio da te"), si pone la carica emotiva di "Uno su mille ce la fa", che Gianni propone con determinazione ("Non ho barato né bluffato mai, e questa sera ho messo a nudo la mia anima", canta Morandi con grande intenzione vocale). Infine, Gianni saluta il pubblico sulle note di "Solo insieme saremo felici", sfilando sul palco con i componenti della sua band e stringendo le mani ai fan accorsi sotto al palco.

(di Mattia Marzi)

SETLIST:
"Un mondo d’amore"
"Bisogna vivere"
"La storia mia con te"
"Varietà"
"Fino alla fine del mondo"
"Se perdo anche te"
"Grazie perché"
"L’amore ci cambia la vita"
"La fisarmonica"
"Prima che tutto finisca"
"La mia nemica amatissima"
"Fumo negli occhi"
"Ma chi se ne importa"
"Ti penso e cambia il mondo"
"Tenerezza"
"Io sono un treno"
"Solo insieme saremo felici"
"Se non avessi piu’ te"
"Ogni vita è grande"
"Canzoni stonate"
"Bella signora"
Medley: "Stringimi le mani/Chimera"
"In amore"
"Il giocattolo"
"BelEmilia"
"Vita"
"Il mio amico"
Medley: "Occhi di ragazza/Dimmi adesso con chi sei/Questa vita cambierà/Canzone libera/Al bar si muore/Il mondo cambierà"
"C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones"
Medley: "Andavo a 100 all'ora/Se puoi uscire una domenica/Go kart twist/Fatti mandare dalla mamma/Belinda/Scende la pioggia"
"Si può dare di più"
"Non son degno di te"
"Uno su mille"

BIS:
"In ginocchio da te"
"Banane e lampone"
"Solo insieme saremo felici"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
14 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.