Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Pop/Rock / 21/05/2014

Quella volta che Courtney Love ottenne un pass per il concerto dei Cheap Trick

Quella volta che Courtney Love ottenne un pass per il concerto dei Cheap Trick

Courtney Love è andata via di casa. Vuole arrivare a Portland in autostop. Sa che è pericoloso, perché è da quelle parti che agisce il serial killer Ted Bundy, quello che si dice abbia un giorno cercato di violentare Debbie Harry. Come non bastasse, sulle strade lungo la costa dell’Oregon colpisce anche un altro killer. Lo chiamano il killer della Interstate 5. Ma Courtney Love non ha paura di niente.

La prima cosa che fa quando arriva a Portland è andare a vedere i Cheap Trick al Coliseum. Fuori dal palazzetto incontra un gruppetto di ragazze che sembrano saperne una più del diavolo. Hanno giubbotti di pelliccia di lapin e tacchi a spillo dai quali è pericoloso scendere. Le scollature sono ostentate. Nell’incavo del seno, in bella mostra, ondeggiante, ci sono i pass per il concerto. Courtney Love si avvicina. “Come siete riuscite a ottenerli?”

Le ragazze ridono. “Abbiamo fatto pompini a tutti i tecnici. Rivolgiti a loro”.

Courtney Love non è convinta. Pensa: perché devo fare pompini a tutti quando ne basta uno?

Chiede di parlare con il manager. Lui la riceve. “Dimmi, in cosa posso esserti utile?” Lei, come risposta, si inginocchia.

Cinque minuti dopo lui pensa che è lei a essergli stata stata utile. Sa cosa cerca, apre il cassetto e tira fuori un pass backstage.

Courtney Love guarda il concerto e poi si prepara al dopo-concerto. In fondo, i Cheap Trick sono meglio del loro manager.

 

Questo aneddoto è tratto da “Rock Bazar”, un libro di Massimo Cotto edito da Vololibero Edizioni e Virgin Radio, in uscita martedì 27 maggio al prezzo di 19,90 euro, che raccoglie 575 racconti tratti dall’omonima trasmissione radiofonica che narra storie vere e leggende, eccessi e follie delle rockstar.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi