Shazam, alle tre major una piccola quota del capitale

Shazam, alle tre major una piccola quota del capitale

La notizia non è confermata, ma se a riportarla sono il Wall Street Journal e Billboard è molto probabile che sia fondata: ognuna delle tre major discografiche - Universal Music, Sony Music e Warner Music - avrebbe acquistato nelle scorse settimane una piccola frazione del capitale di Shazam Entertainment, sviluppatrice della famosa app che permette di identificare canzoni e altri contenuti orientando lo smartphone in direzione della sorgente sonora. Le quote, rilevate dal fondo britannico Acacia Capital (uno dei primi investitori nella start up desideroso di fare cassa e procurarsi liquidità), sarebbero di uguale entità e varrebbero intorno ai 3 milioni di dollari: dal momento che il più recente round di finanziamenti ha valutato Shazam a 500 milioni di dollari, le tre case discografiche deterrebbero dunque meno dell'1 per cento a testa. Come noto, già in febbraio Warner Music aveva siglato un accordo con la società costituendo in joint venture un'etichetta discografica con cui lanciare nuovi artisti scoperti e promossi attraverso l'applicazione

L'investimento, sottolinea Billboard, potrebbe rivelarsi particolarmente redditizio se, come sembra possibile, Shazam deciderà di quotarsi in Borsa. Fondata nel 2000, l'impresa britannica dispone di un database musicale di oltre 35 milioni di canzoni, con circa un milione di nuove aggiunte al mese (un team composto da diverse dozzine di persone si incarica di scoprire nuova musica e nuovi artisti, anche a livello locale, da inserire nel catalogo). L'applicazione viene utilizzata per identificare circa 16 milioni di brani musicali al giorno (500 milioni al mese), e il suo sistema di riconoscimento avrebbe fruttato all'industria discografica vendite per quasi 300 milioni di dollari nel 2013.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.