Gruppo ricava soldi da uno streaming 'silenzioso', Spotify lo blocca

Che succede se un gruppo decide di pubblicare su Spotify un album intitolato "Sleepify", le cui "canzoni" (con titoli come "Zzz" e "Zzzzz") in realtà sono file silenziosi che non contengono neanche un minuto di musica? Succede che il servizio di streaming svedese lo cancella dal suo catalogo per violazione dei termini di servizio, anche se non contiene materiali sconvenienti, pornografici, blasfemi o irrispettosi delle idee altrui. E' quanto successo ai Vulfpeck, una band di Los Angeles che - racconta Billboard - ha invitato i suoi fan ad attivare ripetutamente lo streaming dell'album "silenzioso" così da generare micropagamenti ed entrate destinate a finanziarne una prossima tornata di concerti gratuiti. Il trucco ha funzionato per circa sette settimane: dopo le quali lo staff di Spotify, a seguito di una prima e-mail in cui offriva assistenza per quello che pensava essere un inconveniente tecnico e di una successiva richiesta di rimuovere i file, ha provveduto autonomamente a cancellare "Sleepify" dal suo database.

"Sono sinceramente sorpreso che lo abbiano rimosso", ha raccontato a Billboard il tastierista della band Jack Stratton. "Quanto meno dalla tempistica, e dal fatto che abbiano atteso del tempo invece di farlo immediatamente". "Non vedo nel nostro gesto un uso scorretto del mezzo", ha aggiunto. "Per me si tratta di un'opera artistica, o qualcosa del genere".

Inizialmente divertiti dall'episodio, i vertici di Spotify hanno probabilmente cominciato a pensare che la cosa potesse ripetersi danneggiando la reputazione della piattaforma e le fondamenta stessa di un servizio la cui finalità è diffondere musica in pubblico. I Vulfpack ne hanno conseguito comunque una notevole pubblicità, ricavato senza colpo ferire circa 18 mila dollari di royalties e incassato la solidarietà via Facebook di colleghi più blasonati come i Cake. Rispondendo prontamente alla "censura" con la pubblicazione di un nuovo EP intitolato "Official statement" e contenente, oltre a uno strumentale per tastiere, una spiegazione parlata di quanto accaduto e un altro brano di 31 secondi anch'esso completamente silenzioso.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.