CD Wow! fa marcia indietro: niente import parallelo in Gran Bretagna

Pace fatta tra CD Wow! e i discografici inglesi della BPI, che avevano citato in giudizio il venditore on-line di compact disc accusandolo di importazione parallela e illecita (vedi News).
Le due parti hanno fatto sapere attraverso un comunicato congiunto di avere composto la vertenza senza bisogno di ricorrere ai tribunali (la causa avrebbe dovuto iniziare il 9 febbraio prossimo): Philip Robinson, direttore del sito di commercio elettronico, ha accettato di bloccare la vendita in Irlanda e Regno Unito di CD e Dvd acquistati al di fuori del mercato comune e rivenduti a prezzi ultracompetitivi ai consumatori europei.
Nessun altro dettaglio sui termini dell'accordo è stato rivelato in pubblico. Il caso aveva sollevato grande attenzione sui mezzi di informazione inglesi, dove l'industria discografica è stata attaccata da più parti per i prezzi troppo alti dei CD. L'associazione British Phonographic Industry si è difesa sostenendo che la legge è dalla sua parte: i dischi (come le altre merci) prodotti oltre i confini dell'Unione Europea non possono esservi importati senza l'autorizzazione della casa editrice.
Music Biz Cafe, parla Claudio Buja (presidente Universal Music Publishing)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.