La City e Wall Street credono nel rilancio dell'industria musicale

La City e Wall Street credono nel rilancio dell'industria musicale
Investitori e operatori finanziari sembrano di nuovo disposti a scommettere sulla ripresa del mercato della musica registrata: lo dimostra l’andamento del titolo azionario EMI dall’inizio dell’anno (+ 40 %) e la conseguente decisione delle agenzie Goldman Sachs e UBS Warburg di aumentarne il “rating”. Goldman Sachs ha collegato la nuova valutazione alle aspettative di crescita che circondano la musica digitale legale: un futuro popolato di molteplici negozi virtuali sul modello dell’iTunes della Apple e con utenti in diminuzione per programmi come KaZaA, come sembrano indicare le ultime evoluzioni del mercato (vedi News), potrebbe garantire un futuro meno incerto alla claudicante industria internazionale del disco.
Larry Kenswil, responsabile dei new media presso la leader di mercato Universal Music, sostiene che il mercato dei download a pagamento sta letteralmente esplodendo, dopo che nel 2003 si sono vendute negli Stati Uniti 30 milioni di canzoni in formati digitale. Ma non tutti sono così ottimisti, anche perché i principali enti statistici concordano nel ritenere che il 2004 sarà un altro anno in perdita (il quarto consecutivo) per la musica registrata nel mondo. E basterebbe forse il diffondersi della notizia di una ripresa della pirateria on-line, o di qualche altra battaglia persa in tribunale dalle case discografiche, per far precipitare nuovamente le quotazioni di EMI e delle sue concorrenti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.