Mick Jagger teme per le nipotine, svelati i piani per un loro rapimento

Mick Jagger teme per le nipotine, svelati i piani per un loro rapimento
La polizia spagnola ha scoperto che un gruppo di uomini stava pianificando il rapimento delle due nipotine di Mick Jagger, Assisi e Amba, al fine di richiedere un esoso riscatto. Le due bambine vivono ad Ibiza assieme alla madre Jade.
Il leader dei Rolling Stone, dopo essere stato avvertito dalla figlia del pericolo che avrebbero potuto correre, ha contattato un gruppo di specialisti e ha fatto blindare la casa di Jade. Le guardie del corpo, che Jagger paga venticinquemila sterline a settimana (circa trentacinquemila euro), pattugliano la villa, accompagnano le due bambine a scuola e le vanno a riprendere ogni giorno.
Il cantante inglese ha insistito con la figlia per farla tornare in Inghilterra chiedendole di lasciare la villa in cui vive con il musicista Dan Williams nel villaggio di San Juan Bautista. (Fonte: Il Giorno)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.