UK, gruppo parlamentare invoca nuove regole sul secondary ticketing

I politici britannici stanno prendendo molto sul serio il tema del secondary ticketing, la rivendita online di biglietti di concerti, eventi sportivi e altri spettacoli su siti specializzati spesso accusati di comportamenti e finalità speculative che danneggiano il consumatore. E dopo che il nuovo ministro per la Cultura Sajid Javid ha lodato l'operato di agenzie come Seatwave e Viagogo, creando non poco sconcerto tra gli operatori dell'industria musicale, l'All Party Parliamentary Group on Music ha provveduto a far avere al governo una lista di raccomandazioni destinate nelle sue intenzioni a gestire nel modo migliore il mercato secondario.

Nata l'anno scorso, l'organizzazione transpartitica raggruppa personalità come il consigliere del primo ministro sulla Proprietà Intellettuale Mike Weatherley e i deputati John Robertson e Sharon Hodgson (da sempre in prima linea contro le speculazioni del secondary ticketing). La sua proposta, inoltrata mentre la Casa dei Comuni si trova a discutere del nuovo documento sui diritti dei consumatori, invoca maggiore trasparenza nelle transazioni sul mercato secondario, garanzie di rimborso per le vittime inconsapevoli dei bagarini e l'affidamento a un'agenzia nazionale di polizia dell'incarico di perseguire chi viola la legge frodando gli utenti.

"L'industria tutta deve diventare molto più aperta, e i consumatori meritano di sapere quale genere di biglietti stanno acquistando e da chi", ha dichiarato Weatherley. "Nessuno sta dicendo che non dovrebbe esistere un mercato secondario, ma quest'ultimo dovrebbe funzionare in modo da favorire consumatori e del settore creativo e non a vantaggio di alcuni anonimi individui che si arricchiscono sfruttando il duro lavoro, gli investimenti e il talento altrui".

    I politici britannici stanno prendendo molto sul serio il tema del secondary ticketing, la rivendita online di biglietti di concerti, eventi sportivi e altri spettacoli su siti specializzati spesso accusati di comportamenti e finalità speculative che danneggiano il consumatore. E dopo che il nuovo ministro per la Cultura Sajid Javid ha lodato l'operato di agenzie come Seatwave e Viagogo, creando non poco sconcerto tra gli operatori dell'industria musicale, l'All Party Parliamentary Group on Music ha provveduto a far avere al governo una lista di raccomandazioni destinate nelle sue intenzioni a gestire nel modo migliore il mercato secondario.

    Nata l'anno scorso, l'organizzazione transpartitica raggruppa personalità come il consigliere del primo ministro sulla Proprietà Intellettuale Mike Weatherley e i deputati John Robertson e Sharon Hodgson (da sempre in prima linea contro le speculazioni del secondary ticketing). La sua proposta, inoltrata mentre la Casa dei Comuni si trova a discutere del nuovo documento sui diritti dei consumatori, invoca maggiore trasparenza nelle transazioni sul mercato secondario, garanzie di rimborso per le vittime inconsapevoli dei bagarini e l'affidamento a un'agenzia nazionale di polizia dell'incarico di perseguire chi viola la legge frodando gli utenti.

    "L'industria tutta deve diventare molto più aperta, e i consumatori meritano di sapere quale genere di biglietti stanno acquistando e da chi", ha dichiarato Weatherley. "Nessuno sta dicendo che non dovrebbe esistere un mercato secondario, ma quest'ultimo dovrebbe funzionare in modo da favorire consumatori e del settore creativo e non a vantaggio di alcuni anonimi individui che si arricchiscono sfruttando il duro lavoro, gli investimenti e il talento altrui".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.