Rita Pavone, il tour: 'Non è un'operazione nostalgia. E prometto sorprese'

Rita Pavone, il tour: 'Non è un'operazione nostalgia. E prometto sorprese'

Gli ospiti della "prima", il 6 maggio al Gran Teatro Linear4Ciak di Milano, erano già stati annunciati (si tratta di Loredana Berté, di Enrico Ruggeri, del cantautore Dario Gay e della star del musical Manuel Frattini). Ma "Rita is back - Live 2014 ", il tour organizzato da Trident che dopo nove anni riporta sulle scene Rita Pavone sulla scia del successo di critica e di pubblico di "Masters", promette altre sorprese. "Tornare sul palco mi dà trepidazione ma anche entusiasmo. Non vedo l'ora di cominciare e di rompere il ghiaccio", ha raccontato la cantante torinese a Rockol alla vigilia della data zero che va in scena questa sera a Cattolica. "Certo, lo scorso ottobre ero stata all'Arena di Verona come ospite di Gianni Morandi e l'accoglienza è stata fantastica: ma quella volta il pubblico era lì per lui, mentre stavolta verrà apposta per me. Sentirmi ancora così emozionata a 69 anni, e dopo cinquant'anni di carriera, lo interpreto come un fatto positivo. Vuol dire che ho ancora un sano timore della scena, una foga e una voglia di fare che non provavo da tanto tempo. Una sensazione che, sono certa, si trasmetterà anche al pubblico che sta in sala".

Saranno due ore piene di concerto, promette la Pavone, "in cui il mio repertorio storico si sposerà magnificamente con i brani di 'Masters'. Io ed Enrico Cremonesi (che del disco di cover ' è stato coprotagonista essenziale, dirigendo l'orchestra e arrangiando i pezzi) abbiamo cercato di fonderli assieme senza stacchi e siamo convinti di avere costruito un'ottima scaletta. Volevo evitare un viaggio nella nostalgia: le mie cose del passato, che per gran parte risalgono agli anni Sessanta, le canterò mantenendone intatto il fascino ma con un'impronta di attualità. Quando hai a disposizione melodie belle e cantabili è possibile farle rivivere donando loro nuova freschezza: è un po' come portare un vecchio abito in tintoria. Grazie a Dio ho un repertorio vasto da cui attingere, ho venduto 50 milioni di dischi e ho potuto contare su firme prestigiose come quelle di Bacalov, Morricone, Migliacci. So che il pubblico si aspetta certe cose, ma mi piace l'idea di rileggerle in punta di dita e in modo leggermente diverso come fa oggi anche Gino Paoli. Quando andavo ad ascoltare Frank Sinatra mi aspettavo che cantasse 'I got you under my skin'. Ma lui gli dava ogni volta una sonorità leggermente diversa, moderna, che conservava alla canzone un senso di attualità. Cercherò di fare lo stesso: nel mio nuovo spettacolo 'Cuore', 'Fortissimo', 'Alla mia età', 'Come te non c'è nessuno' e 'Che m'importa del mondo' verranno intercalate ai pezzi del nuovo disco. Che è stata la chiave di volta per far capire al pubblico quel che sono, dopo anni in cui ero stata costretta a cantare cose in cui non credevo e che detestavo. Un attore non recita sempre lo stesso ruolo, un regista non fa sempre lo stesso film. E anche un cantante deve poter cambiare nel tempo ed evolversi. Quando ho capito che non mi si permetteva più di crescere artisticamente ho preferito chiudere con la discografia. Ma poi mi sono resa conto che la voce era ancora meravigliosamente intatta, e mi sono detta che quel disco lo dovevo fare subito: 'Masters' e i suoi straordinari brani di Hoagy Carmichael, di Burt Bacharach e di Bobby Darin mi hanno permesso di rivalutarmi come interprete. Per fortuna il mio sforzo è stato compreso, sono rimasta persino stupita e commossa dall'accoglienza della critica perché non avevo mai ottenuto recensioni così positive in vita mia. Questo è un album serio, che rimarrà nel tempo. E che mi ha restituito vent'anni di vita: finalmente ho fatto quello che mi piaceva. Se farò altri dischi, proseguirò su questa strada".

Una bella sfida, comunque, ricreare dal vivo le atmosfere eleganti degli evergreen americani interpretati nel doppio album. Ma con otto musicisti sul palco accanto a lei e Cremonesi, assicura Rita, "credo che faremo delle cose sorprendenti. Ho avuto la fortuna di incontrare Enrico, che è un musicista di creatività straordinaria: ci sono in giro arrangiatori specializzati nel trattare i fiati, gli archi o la ritmica. Lui sa fare tutto benissimo e il nostro è stato uno straordinario matrimonio musicale. Cercheremo di riportare la magia del disco anche in palcoscenico, ma con un approccio differente. Alcuni brani, che in studio erano sostenuti da un'ampia sezione d'archi, li abbiamo addirittura spogliati. Ho sempre amato le versioni unplugged, le canzoni si possono rileggere con un altro feeling e alcuni pezzi sono stati ricostruiti in una dimensione completamente diversa: sul palco ci sarà ad esempio una violoncellista che fa cose straordinarie. Credo che il nostro sarà un concerto sorprendente, anche sul versante di quelle che io chiamo le canzoni 'spensierate'. Ho sempre desiderato mostrare che il 'Gian Burrasca' di Nino Rota non era solo 'Viva la pappa col pomodoro' ma una vera opera d'arte musicale. Quella colonna sonora contiene momenti straordinari: quando il protagonista canta l'addio al suo giornalino, il suo più caro amico, sembra di ascoltare una melodia presa dalla grande tradizione russa. Voglio far capire cosa ha rappresentato il 'Gian Burrasca' per me e per chi vide il programma in tv negli anni Sessanta, e per questo nello spettacolo gli ho riservato un cameo riproponendo cinque o sei brani tratti da quell'opera. Rota scrisse pagine di straordinaria bellezza, e per chi ricorda solo 'Viva la pappa col pomodoro' anche quello sarà un momento scioccante".

"Rita is back" sarà anche un spettacolo da vedere, anticipa la Pavone: "Ci siamo avvalsi delle nuove tecnologie video che consentono di riempire gli occhi del pubblico, abbiamo lavorato molto su questo aspetto. Non ho voluto ballerini in scena, invece, anche se tra gli ospiti della prima data c'è anche Manuel Frattini, che con i suoi musical è stato anche a Broadway. Sono felice di condividere la scena con ospiti e amici: è interessante lasciare che altri entrino nel tuo mondo mentre tu entri nel loro".

Altre guest star sono attese nelle date successive del tour, e dal momento che il secondo concerto avrà luogo al Teatro Manzoni di Bologna l'8 maggio viene spontaneo pensare che Morandi possa ricambiarle il favore. "E' stato il mio primo pensiero, ma anche Gianni è impegnato in tour e in quei giorni si trova altrove. Cercherò comunque di trovare anche lì qualche amico da far salire sul palco. Ci sono un paio di grossi nomi di cui non posso ancora parlare, e per le altre date ho anche pensato a qualche personaggio meno popolare ma di alta caratura e qualità artistica: posso già confermare che a Napoli avremo Raiz e Fausto Mesolella degli Avion Travel, un musicista nelle cui mani la chitarra emana una sensualità tutta femminile. Dopo nove anni passati a cantare sotto la doccia mi fa piacere avere qualcuno che mi sostenga e condivida con me questo ritorno sulle scene. Una buona dose di sana autostima ci vuole sempre: e noi siamo convinti di avere fatto davvero un buon lavoro".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.