Musica online: Amazon e CD Wow accusati di importazione parallela

Noto anche ai consumatori italiani più scafati e attenti alle offerte del panorama musicale on-line, il negozio “elettronico” CD Wow è finito in questi giorni nel mirino dell'associazione dei discografici inglesi. Il grande emporio musicale virtuale, gestito da una società che fa base a Hong Kong, aveva recentemente conquistato larghe fette di mercato a danni di concorrenti consolidati come Amazon, Fnac e Tower Records in virtù di politiche commerciali particolarmente aggressive, che prevedono anche l'abbuono delle spese di spedizione(182 milioni di dollari il giro d'affari per il 2003). Ma la British Phonographic Industry (BPI) sostiene che le sue offerte a prezzi stracciati, molto inferiori a quelle praticate dalla concorrenza, sono il frutto di pratiche illegali di importazione parallela, punibili per legge. La BPI confida di vincere la causa in tribunale dopo la condanna inflitta alla catena di supermercati Tesco, colpevole di vendere in Inghilterra, a prezzo ribassato, jeans della Levi's importati illegalmente dall'Europa Orientale. Ma Philip Robinson di CD Wow ribatte che la sua società opera in un contesto perfettamente legittimo con il consenso delle case discografiche multinazionali.
La vertenza innescata dalla BPI non è l'unica ad affrontare di petto il problema dell'importazione parallela di Cd. Tra i potenziali bersagli dell'industria discografica inglese ci sono anche il negozio on-line americano Play.com e il sito britannico di Amazon: quest'ultima, tuttavia, ha già replicato seccamente, sostenendo di operare in tutti i territori nel pieno rispetto delle leggi che tutelano i copyright e la concorrenza.
Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.