Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 23/04/2014

Russia, alla guida di vKontakte due oligarchi di area governativa

Russia, alla guida di vKontakte due oligarchi di area governativa

Una sorta di rivoluzione d'ottobre avrebbe sovvertito l'ordine costituito a vKontakte, il più grande social network russo denunciato qualche settimana fa all'autorità giudiziaria dalle filiali locali delle major Universal, Sony Music e Warner Music per favoreggiamento della pirateria. Secondo quanto riferisce la BBC il fondatore del sito, Pavel Durov, sarebbe stato estromesso dalla guida della società con un blitz di cui lo stesso è venuto a conoscenza solo tramite i giornali. Stando al suo racconto, il suo posto sarebbe stato preso da due potenti uomini di fiducia del governo di Mosca: Igor Sechin, amministratore delegato della società petrolifera di stato Rosneft (nonché, in passato, vice capo dello staff di Vladimir Putin), e Alisher Usmanov, azionista di vKontakte attraverso la società Internet Mail.ru oltre che, secondo Forbes, uomo più ricco del Paese.

"Interessante che gli azionisti non abbiano avuto il coraggio di agire direttamente, e che io sia stato informato del mio licenziamento dalla stampa", ha detto Durov. "Probabilmente", ha aggiunto, "nel contesto russo qualcosa del genere era inevitabile ma sono contento che siamo durati sette anni e mezzo. Abbiamo fatto molto, e una parte di ciò che abbiamo conseguito non si può cambiare".

Forte di 88 milioni di utenti registrati in Russia e di 143 milioni in tutto il mondo, vKontakte ospita sulla sua piattaforma una enorme quantità di file musicali non autorizzati e accessibili senza limiti dal pubblico della rete (Durov non ha mai risposto alle richieste delle case discografiche di rimuoverne il repertorio). Gratuito per gli utenti, il sito si alimenta principalmente grazie alla pubblicità e nel 2012 ha denunciato un fatturato di 172 milioni di dollari.