Rivendita in rete di file Mp3 'usati': il governo britannico è favorevole

Rivendita in rete di file Mp3 'usati': il governo britannico è favorevole

Osteggiata dalle major discografiche e sanzionata negli Stati Uniti da alcune sentenze di tribunale che hanno ritenuto illegittimo l'operato della piattaforma specializzata ReDiGi, la compravendita in rete di file audio Mp3 "usati" trova invece un alleato nel governo britannico, chiamato ad esprimersi sulla questione durante le consultazioni in corso tra i membri della Commissione Europea in merito alla riforma del copyright. Secondo le autorità britanniche, la compravendita di merci sui mercati tradizionali dà impulso tanto all'economia che alle tecnologie fungendo anche da calmiere sui prezzi, "e non sembra esserci motivo per cui questo non dovrebbe valere anche per le copie digitali", sempre che il venditore provveda a cancellare quella in suo possesso.

Diversamente la pensa la federazione mondiale dei discografici IFPI, così come la filiale britannica BPI e le case discografiche Sony Music e Universal che hanno espresso i loro pareri alla Commissione Europea. "Nel settore della musica registrata consentire la rivendita di contenuti digitali avrebbe conseguenze estremamente dannose per tutto il mercato", fa osservare l'IFPI. "Il concetto secondo cui il principio di esaurimento dovrebbe applicarsi alle copie acquisite per via di trasmissioni digitali così come si applica a quelle fisiche ignora le molte differenze esistenti tra i due tipi di copie e tra i due processi di distribuzione". In sostanza, sostengono i discografici, i due casi non sono comparabili dal momento che mentre la rivendita "fisica" ha per oggetto un unico prodotto originale, quella digitale può riguardare copie riprodotte all'infinito.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.