Jay Z, confiscati dalla polizia vecchi master della Roc-A-Fella Records

Jay Z, confiscati dalla polizia vecchi master della Roc-A-Fella Records

La polizia di Los Angeles ha posto sotto sequestro diversi master - registrazioni originali dalle quali viene ricavata la "matrice" per la stampa degli album poi immessi sul mercato - della Roc-A-Fella Records, l'etichetta controllata da Jay Z, risalenti al periodo compreso tra il 1998 e i 2002: il sequestro, riferisce TMZ, è avvenuto in un deposito della città californiana, e ha portato all'identificazione di Chancey Mahan, produttore alla dipendenze del rapper tra il 2008 e il 2009, intestatario dello spazio presso il quale erano custodite le incisioni, che i responsabili dell'etichetta consideravano ormai perdute.

Sentito dalla polizia (ma non posto in stato d'arresto), Mahan ha chiarito di aver regolarmente contattato Live Nation - società che tutela (anche) gli interessi discografici di Jay Z - per informare i vertici del gruppo di voler mettere all'asta le bobine per ricavare almeno 100mila dollari a titolo di "rimborso per oneri di custodia".

Successivamente l'uomo avrebbe raggiunto un accordo coi funzionari dell'etichetta e società di live promoting per 75mila dollari.

Su Mahan si stanno concentrando i sospetti degli inquirenti, che ipotizzano in piano estorsivo ordito dall'ex produttore ai danni del rapper newyorchese: i legali di Jay Z hanno infatti depositato nelle ultime ore presso un tribunale della Grande Mela una denuncia per sottrazione indebita aggravata ai danni di Mahan. Secondo le stime dei periti legali, il valore complessivo dei master di aggirerebbe tra i 15 e i 20 milioni di dollari.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.