Milano, il figlio di Angelo Carrara rilancia la Target

Milano, il figlio di Angelo Carrara rilancia la Target

A poco più di due anni dalla morte del compianto Angelo Carrara la sua agenzia ed etichetta discografica, Target Music, torna in attività con "nuove produzioni, nuovi artisti, una nuova visione e non ultimo un nuovo staff" (come spiega un comunicato stampa rilasciato in queste ore).

A rilanciare il marchio è il figlio di Angelo, Andrea Carrara: la sua idea, spiega, è di creare una "factory" di talenti, avvalendosi della collaborazione di un team composto da Maurizio D'Aniello, Veronica Di Pietro e Zuleika Franci e lavorando a tutto campo tra attività discografica, management, booking e promozione.

Angelo Carrara aveva creato la società nel 1981, dopo un passato da artista e le prime esperienze con un'altra etichetta, la Trident, con cui aveva lanciato gruppi prog quali i Trip e Il Biglietto per l'Inferno. Con la Target Music aveva lanciato e prodotto artisti come Alice, Giuni Russo, Franco Battiato, Eugenio Finardi Luciano Ligabue, Bluvertigo e Povia.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.