Wu-Tang Clan, ancora polemiche: Raekwon accusa RZA di mediocrità

Wu-Tang Clan, ancora polemiche: Raekwon accusa RZA di mediocrità

Continua la saga, travagliatissima, del Wu-Tang Clan e del disco celebrativo per il ventennale - ossia il fantomatico "A better tomorrow", annunciato più volte, ma senza una data ufficiale di uscita al momento.

Come noto, a dispetto dell'attesa e dell'hype, il collettivo sta avendo diversi problemi per ingranare e concludere la faccenda; uno degli aspetti più difficili sembra essere la faida iniziata tra RZA e Raekwon - tanto che quest'ultimo ha in pratica abbandonato le registrazioni, scomparendo dal quadro.

Ora Raekwon getta benzina sul fuoco polemizzando ferocemente (in un'intervista rilasciata all'edizione statunitense di Rolling Stone) e smentendo le accuse mosse da RZA di non essere parte del processo creativo dell'album.

"RZA è uno che negli anni Novanta se la comandava", ha detto Raekwon. "Ma adesso i tempi sono cambiati. Non è più al passo. E' come un allenatore che ha vinto molti titoli in passato, ma adesso ha una squadra che è nona in classifica. E' il momento di cambiare strategia. Io sono per l'integrità sempre e comunque. Soprattutto quando c'entra la mia musica, il mio business. E i fan. A loro voglio dare sempre il meglio. E so che il Wu-Tang Clan è così, ma se restano lì seduti ad ascoltare lui... in una squadra non c'è spazio per l'ego".

Le differenze creative sono dunque molto marcate e Raekwon ha poi specificamente preso di mira il singolo dell'album, "Keep watch", definendolo "merda mediocre": "Lo odio. Lo odio", ha spiegato con veemenza. "Sono passati 20 anni. Là fuori c'è un'intera generazione che si sbatte e produce roba fortissima... e noi usciamo con questa merda mediocre? Non era nei miei piani".





Ma non sembra essere secondario, tra i motivi di questa frizione tra i due rapper, quello economico. ""Per lavorare, lo Chef [Raekwon the Chef è uno dei suoi pseudonimi - ndr] deve avere un ritocco al suo contratto. Deve esserci una situazione che mi faccia dire:' 'Sai cosa? Questa è la cosa migliore per me e la mia famiglia. Io lavoro per loro. La mia famiglia".

E per descrivere la sua attuale posizione, Raekwon ha usato una metafora sportiva: "E' come se io fossi un atleta. Chi se ne frega, qualcuno tipo Kobe Bryant o Kevin Durant. Loro non scendono in campo se i loro manager o gli avvocati dicono_ 'Ascolta, questa merda non è a posto'. E quindi io sono in un limbo. Sì, sono in sciopero".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.