Deputato Usa: 'Google intervenga sui pirati, o lo faremo noi'

Su Google, ricerche online e link ai siti pirata il dibattito si scalda ulteriormente coinvolgendo i maggiori attori istituzionali. Tanto che sul problema, più volte evidenziato da case discografiche e cinematografiche, interviene ora direttamente il Congresso americano: o il colosso dei motori di ricerca si decide a intervenire in maniera più efficace, ha dichiarato nei giorni scorsi un membro del parlamento, o sarà il governo stesso a prendere le misure necessarie.

La minaccia arriva dal deputato repubblicano della Pennsylvania Tom Marino, che il mese scorso - durante un'udienza tenuta sul tema del Digital Millennium Copyrigth Act - aveva criticato Google per la presenza nei risultati di ricerca di numerosi link che rimandano a siti illegali. Secondo il parlamentare la società dovrebbe eliminare dalla funzione di "autocompletamento" della barra di ricerca parole come "gratuito", che inducono gli utenti a ricercare contenuti non autorizzati. "Riconosco che probabilmente non siamo i più indicati ad agire, dal momento che la tecnologia cambia così rapidamente", ha detto Marino. "Ma se saremo costretti a farlo non credo che faremo felice nessuno dal momento che dovremo cercare una soluzione globale al problema. Suggerisco dunque che siano le parti interessate a organizzarsi e a trovare il modo giusto".

La risposta di Google non si è fatta attendere: "La chiave è aumentare la disponibilità delle offerte legali", sostiene Katherine Oyama, consulente della società sulle politiche riguardanti il copyright. "Il nostro desiderio è che siano i risultati legittimi a emergere, e abbiamo collaborato con i titolari dei diritti per garantire che questo accada in relazione alle richieste di contenuti mediatici e di intrattenimento. Ma non si possono eliminare o declassificare parole come 'libero' o 'musica', che sono associate a un sacco di contenuti legali". "Ci sono comunque termini, parole e servizi che possono essere rimossi", ha concesso la portavoce di Google. "Ci saranno sempre nuovi servizi e attori malintenzionati. E la conversazione non termina qui, vogliamo mantenerla aggiornata nel tempo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.