Bandsintown, oltre i 10 milioni di utenti

Sono saliti a 10 milioni, quanti gli abitanti di una megalopoli mondiale o di uno stato poco popolato, gli utenti registrati di Bandsintown, la app per smartphone e Facebook che permette agli artisti di gestire e diffondere autonomamente il calendario dei propri concerti e ai fan di sapere tramite notifiche personali quando i loro gruppi o solisti preferiti si esibiscono nelle vicinanze della loro abitazione.

Il traguardo è stato annunciato dalla stessa Web company tramite il suo blog, e segue di pochi mesi l'ufficializzazione di un accordo con Sony Music Unlimited che permette agli utenti della piattaforma di ascoltare in anteprima brani musicali di artisti i cui concerti sono elencati nella app e che fanno parte del roster della major.

Fondata nel 2007 a San Diego e simile, come ricorda Billboard, all'inglese Songkick, Bandsintown ha sviluppato una API utilizzata da tutte le major, numerose etichette indipendenti e partner come Shazam, eMusic, SoundHound e ReverbNation (la app per Facebook è stata resa disponibile nel 2009). Nel 2011 la piattaforma è stata acquistata dall'editore e sviluppatore di applicazioni mobili Cellfish, mentre al novembre dello scorso anno risale un accordo di collaborazione con l'Agency Group, un'agenzia di booking artistico di base a Manhattan che rappresenta quasi 2000 clienti.

    Sono saliti a 10 milioni, quanti gli abitanti di una megalopoli mondiale o di uno stato poco popolato, gli utenti registrati di Bandsintown, la app per smartphone e Facebook che permette agli artisti di gestire e diffondere autonomamente il calendario dei propri concerti e ai fan di sapere tramite notifiche personali quando i loro gruppi o solisti preferiti si esibiscono nelle vicinanze della loro abitazione.

    Il traguardo è stato annunciato dalla stessa Web company tramite il suo blog, e segue di pochi mesi l'ufficializzazione di un accordo con Sony Music Unlimited che permette agli utenti della piattaforma di ascoltare in anteprima brani musicali di artisti i cui concerti sono elencati nella app e che fanno parte del roster della major.

    Fondata nel 2007 a San Diego e simile, come ricorda Billboard, all'inglese Songkick, Bandsintown ha sviluppato una API utilizzata da tutte le major, numerose etichette indipendenti e partner come Shazam, eMusic, SoundHound e ReverbNation (la app per Facebook è stata resa disponibile nel 2009). Nel 2011 la piattaforma è stata acquistata dall'editore e sviluppatore di applicazioni mobili Cellfish, mentre al novembre dello scorso anno risale un accordo di collaborazione con l'Agency Group, un'agenzia di booking artistico di base a Manhattan che rappresenta quasi 2000 clienti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.