The Soundreef Sessions: in Italia parte Soundreef Live!

The Soundreef Sessions: in Italia parte Soundreef Live!

Trasparenza di gestione, imputazione corretta dei diritti (con ripartizioni analitiche al 100 per cento), pagamenti rapidi, risparmi di costi, semplificazioni burocratiche: intercettando i desiderata (e le lamentele) degli organizzatori di eventi e degli artisti che si esibiscono dal vivo, ancora più pressanti oggi che i concerti sono tornati a essere il punto focale del music business, la società di collecting Soundreef (di nazionalità inglese, ma con alcune "teste" italiane al vertice) ha progettato e creato Soundreef Live!, un nuovo strumento di raccolta e distribuzione royalty applicato alla musica dal vivo che entra ora in funzione sul territorio nazionale.

Il meccanismo è semplice: una volta effettuata la registrazione (gratuita) al servizio, gruppi, artisti solisti e cantautori redigono un calendario delle loro prossime esibizioni, compilando online prima di ogni show un borderò digitale dei brani che intendono eseguire e in base al quale le royalty verranno versate agli autori ed editori delle composizioni: entro 7 giorni dallo svolgimento dello spettacolo Soundreef garantisce un report completo su presenze e guadagni maturati che vengono poi versati a scadenza trimestrale, cioè entro un massimo di 90 giorni (ma più spesso in tempi molto più ridotti) nella misura del 68 % (il restante 32 % resta alla società a titolo di commissione e copertura dei costi di gestione). Il gruppo o l'artista può anche richiedere previsioni di guadagno relative a un intero tour (calcolate sulla base della capienza dei locali frequentati e delle presenze stimate), utili a pianificare la propria attività e i propri investimenti.

Agli organizzatori di eventi e ai gestori di locali Soundreef rilascia istantaneamente e online un permesso di spettacolo che - secondo quanto scrive la società sul proprio sito - comporta un risparmio calcolato tra il 20 e il 50 % rispetto alle normali licenze SIAE (agli organizzatori la società offre anche assistenza legale gratuita, tutelandoli contro eventuali richieste avanzate da terze parti).

Proprio perché concorrente e alternativo a quello fornito dalla SIAE e non estendibile al repertorio da essa amministrato, il servizio è utilizzabile dai soli gruppi e artisti che non risultino iscritti alla società degli autori o ad altre analoghe collecting estere; per lo stesso motivo gli interpreti sono tenuti a eseguire solo repertorio proprio, o eventualmente amministrato dai loro editori (sono dunque escluse le cover band). Da notare che un autore o editore iscritto alla SIAE può ugualmente iscriversi a Soundreef Live! revocando in toto o in parte (in relazione, cioè, alle sole pubbliche esecuzioni) il mandato alla società degli autori: in entrambi i casi la richiesta va presentata entro il 30 settembre di ogni anno e ha effetto a partire dal 1° gennaio dell'anno successivo.

Il debutto in Italia di Soundreef Live! avviene oggi,  6 maggio, con il progetto "La Rivoluzione delle 30 Band"  i cui nomi sono elencati su una pagina dedicata del sito di Soundreef. 

The Soundreef Sessions è una mini-serie divulgativa realizzata in collaborazione con Soundreef e dedicata al "collecting", uno dei temi più rilevanti sullo scenario dell'industria musicale per il suo impatto potenziale sulle carriere degli artisti impegnati a re-impostare le loro carriere nell'economia digitale. Dai diritti d'autore alle royalties, dai meccanismi alle tecnicalità, dalle radio "in-store" al segmento live: tutti i temi attinenti saranno oggetto della serie.

 

 

 



Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.