Brani dei Red Hot Chili Peppers usati per torturare a Guantanamo

Brani dei Red Hot Chili Peppers usati per torturare a Guantanamo

Nel 2009 Pearl Jam, R.E.M. ed altri artisti si unirono ad una campagna volta a far chiudere definitivamente la prigione statunitense di Guantanamo dopo aver appreso, non senza offesa, che le loro canzoni erano state usate per anni, a volume altissimo se non addirittura mostruoso, per "convincere" alcuni detenuti a "confessare". Ora la storia si ripete, o meglio si scopre che una dozzina d'anni fa furono utilizzati anche pezzi dei Red Hot Chili Peppers. Grazie alla declassificazione di alcuni documenti fino ad oggi segreti, ufficiali degli USA hanno riferito - protetti dall'anonimato - ad Al Jazeera che, durante l'amministrazione George Bush, la CIA a Guantanamo bombardò con canzoni dei Chilis dei detenuti sospettati d'essere terroristi. Una vera e propria tortura, utilizzata assieme ad altre, per far "cantare" i detenuti che venivano sottoposti a ripetuti ascolti della band californiana con volume insopportabile.











Questa la versione dell'NME. Il "Daily Mail" aggiunge che si tratterebbe di "due ufficiali" dell'Intelligence Committee del Senato USA che hanno lasciato trapelare particolari di un rapporto riservato. L'"Huffington Post" specifica che un detenuto sicuramente sottoposto alla tortura
della musica dei RHCP in loop fu tale Zayn al-Abidin Muhammad Husayn Abu Zubaydah.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
13 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.