Linkin Park, nuovo album: ''Hunting party', il nostro disco più duro di sempre'

Linkin Park, nuovo album: ''Hunting party', il nostro disco più duro di sempre'

Atteso nei negozi il prossimo 17 giugno - e con un'unica data prevista nel nostro Paese il 10 giugno al Milano City Sound, nel capoluogo lombardo - "Hunting party", il sesto album in studio dei Linkin Park, è di certo una delle pubblicazione più attese della prossima bella stagione: a ormai quattordici anni dal folgorante debutto di "Hybrid theory", la band capitanata da Mike Shinoda e Chester Bennington - in una lunga intervista apparsa sull'edizione statunitense di Rolling Stone - introduce il pubblico alla nuova prova sulla lunga distanza, che - come già lasciato intuire dal singolo "Guilty all the same", sarà più dura e spigolosa rispetto ai suoi predecessori.

"Avevo bisogno di essere viscerale", ha spiegato Shinoda (nella foto): "E noi tutti avevamo bisogno di perdere quell'approccio emo e morbido alla nostra musica. Sentivamo la necessità di essere aggressivi. E non siamo più ragazzini di 18 anni che fanno un disco rumoroso: siamo trentasettenni che fanno un disco rumoroso. E un trentasettenne si arrabbia per motivi diversi da quelli per i quali si arrabbia un diciottenne".

L'album, al momento, non è ancora del tutto terminato: Shinoda ce la sta mettendo tutta, dal canto suo, per chiudere le sedute prima dell'inizio del tour estivo, che prenderà il via il 24 maggio a Tucson, Arizona, per poi dirigere subito alla volta del Vecchio Continente: "Mentre lo lavoravamo mi scoprii a pensare: 'Oh cazzo, le radio non passeranno mai questa roba'", ha spiegato Shinoda, al quale anche il management, sentiti i provini, espose le sue perplessità, "Mi dissero che effettivamente canzoni del genere avrebbero avuto vita dura in radio, e che non sarebbe stata una bella mossa. Insomma, non avremmo fatto centro. Ma a me le sfide sono sempre piaciute. E poi credo nella musica".

Quale sia la ragione di questa svolta aggressiva è presto detta: la generale fiacchezza della musica indie. "Mi sono anche messo a cercare qualcosa da ascoltare, un giorno, ma non l'ho trovata", ha commentato Shinoda: "E la cosa in un certo senso mi ha fatto incazzare. Perché mi piace l'indie pop, ma è come se le strade che stia percorrendo adesso siano state battute e strabattute". Quindi via libera alle band che sono state alla base del suono dei Linkin Park, come Refused, Helmet e At the Drive-In. E un bel carico di responsabilità (e straordinari) per il loro batterista Rob Bourdon, costretto a prepararsi anche fisicamente per alzare i giri del motore ritmico del gruppo: "Ha dovuto ingaggiare un personal trainer, fare palestra, andare a correre", racconta il produttore-cantante, "Perché questo è uno dei dischi più pesanti sui quali abbia mai suonato. E' persino finito dal chiropratico, spezzandosi letteralmente la schiena sui tamburi. E' stata una sfida anche per lui, che adesso è un batterista migliore".

"Non abbiamo fatto il disco più duro di sempre", ha concluso Shinoda: "Non è un album dei Botch o dei Meshuggah: abbiamo fatto un disco molto duro dei Linkin Park, forse il più duro che abbiamo mai registrato".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.