Musica digitale: Apple con AOL, Microsoft con Wal-Mart

Musica digitale: Apple con AOL, Microsoft con Wal-Mart
Steve Jobs contro Bill Gates, Apple contro Microsoft. Il duello che da anni oppone i più grandi produttori mondiali di software informatico si rinnova ormai quotidianamente anche sul terreno della musica digitale (ed è, per il momento, una battaglia strisciante: finché il colosso di Seattle non lancerà il proprio servizio di downloading a pagamento).
Microsoft, che persegue una strategia consolidata di penetrazione a tappeto del mercato, ha appena concretizzato un accordo con la più grande catena commerciale statunitense, Wal-Mart, il cui neonato negozio di musica on-line funzionerà con il programma Windows Media Audio (vedi News): e ci si aspetta che diventi un attore importante sul mercato, grazie anche alla politica di prezzi al ribasso che ha deciso di praticare in sintonia con le sue tradizioni nel settore della distribuzione tradizionale (scaricare un brano musicale dal sito costerà 88 centesimi di dollaro invece dei 99 richiesti da Apple, da Napster e da altri concorrenti).
Ma Apple non resta con le mani in mano: Jobs ha risposto alleandosi con AOL, il più grande provider Internet americano, che metterà a disposizione dell'azienda californiana un'utenza potenziale di 16 milioni di persone. Gli abbonati al servizio AOL Music avranno infatti la possibilità di acquistare la musica che ascoltano in rete premendo un bottone che funziona da link automatico al sito iTunes Music Store. Contemporaneamente, ai clienti Apple verrà data la possibilità di acquistare canzoni registrate in esclusiva per programmi musicali di AOL come Sessions@AOL e Broadband Rocks.
L'accordo non precluderà tuttavia al provider la possibilità di vendere musica digitale anche per proprio conto: e di diventare, in definitiva, concorrente a sua volta di Apple.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.