Italian Music Awards: ci sono anche Vasco, Eros e Big Luciano

Lo sciopero dei trasporti minaccia di paralizzare Milano, lunedì 15 dicembre, ma a questo punto gli Italian Music Awards s'hanno da fare, ora o mai più. C'è l'impegno di Italia 1, disponibile a protrarre la diretta ben oltre la mezzanotte (a partire dalle 21). E c'è – tra ospiti musicali e “premiatori” – un cast confezionato in fretta e furia ma, sulla carta, di tutto rispetto, con Luciano Pavarotti, Eros Ramazzotti e Vasco Rossi su tutti e Roberto Vecchioni chiamato a rendere omaggio a Giorgio Gaber.
Tutto pronto, dunque, per questa travagliatissima edizione dei premi della musica che il direttore generale della FIMI Enzo Mazza ha paragonato, oggi (venerdì 12 dicembre) in conferenza stampa a Palazzo Isimbardi, ad un “gol di quelli che arrivano dopo una serie di rimbalzi e di rimpalli, ma pur sempre un gol”. Accanto a lui, nella sede della Provincia di Milano, siedono il direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, gli organizzatori della serata, Roberto De Luca (Clear Channel) e Ferdinando Salzano (Friends & Partners), i presentatori Daniele Bossari e Gaia De Laurentiis più i rappresentanti della pubblica amministrazione e dello sponsor di turno. Consegna del silenzio, naturalmente, sui vincitori delle statuette: ma intanto viene annunciato che saranno molti, almeno 15, gli artisti ad esibirsi nel corso della serata, da Carmen Consoli a Lucio Dalla, da Morgan e Nek, da Elio e le Storie Tese a Gianluca Grignani; tra le altre presenze annunciate, quelle di Articolo 31, Giorgia, Le Vibrazioni e Samuele Bersani, con Roberto Cavalli e Maria Grazia Cucinotta a coprire l'inevitabile sezione glamour. Ospiti stranieri, Muse e Simple Minds. Un po' poco, fa notare qualcuno… “Avremmo potuto fare di più, se le cose non fossero andate come sapete”, spiega Mazza. “Ma a questo punto molti tour internazionali sono già programmati da tempo e molti artisti americani stanno già pensando al Natale. E poi, non dimentichiamo che questi sono i premi dell'industria italiana”.
Gli IMA quarta edizione saranno una serata a inviti, con il PalaMazda, sede dell'evento, trasformato “in un teatro da poco più di tremila posti”, racconta la coppia De Luca-Salzano: di questi trccento circa saranno destinati agli ascoltatori della radio RTL 102.5. Il tutto sotto le telecamere di Italia 1: “la rete della musica”, nelle parole di Tiraboschi, che rammenta ai più distratti il suo curriculum, tra Festivalbar e Top of the Pops. “Prima che qualcuno si inventi sfide immaginarie con RaiDue”, spiega il direttore di Italia 1, “fatemi dire che la FIMI ha chiamato subito noi, quando l'ipotesi di RaiUno è saltata. Abbiamo dovuto far tutto in due settimane, ma abbiamo accettato subito perché un programma di questo tipo è perfettamente in linea con la nostra linea editoriale: crediamo nella musica e ci piace trattarla come merita, senza contaminarla con altri generi”. Ci saranno cambiamenti rispetto agli altri anni? “Aspettatevi delle sorprese”, rispondono i due organizzatori. “Ma a differenza di altre manifestazioni del genere qui non c'è un patron ad imporre la sua linea. Il premio nasce su un'idea dei discografici: sono loro, e Italia 1, i padroni di casa”.
Si passa poi alla consegna di alcuni premi speciali, a Mauro Pagani (come miglior produttore) e a Molella (miglior produttore dance). A Tiraboschi si cerca di strappare qualche previsione sugli share, ma lui para il colpo. E chiosa aprendo un'altra porta ai discografici. “Non è detto che la collaborazione debba finire qui. Aspetto altre proposte”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.