Blocco dei siti pirata, per la Corte di Giustizia europea è pienamente legale

Il blocco dei siti pirata da parte degli Internet Service Provider è una pratica legale: lo ha sostenuto la Corte di Giustizia dell'Unione Europea decidendo su una causa intentata nel giugno del 2012 da due distributori cinematografici contro l'ISP austriaco UPC Telekabel Wien. Quest'ultimo era stato contestato in tribunale dopo essersi rifiutato di impedire l'accesso a kin.to, ai tempi il più grande portale pirata in lingua tedesca con 4 milioni di utenti giornalieri.

"Sono particolarmente rinfrancato dalla forte e chiara posizione che la Corte ha espresso in relazione alla responsabilità degli intermediari per quanto riguarda le violazioni dei copyright", ha commentato il presidente e managing director della sezione europea della MPA (Motion Picture Association) Chris Marcich. "Un Internet sostenibile che vada a vantaggio di tutti deve operare in modo equo e corretto, seguendo regole equlibrate e proporzionate. Tutti, in questo contesto, dobbiamo svolgere un ruolo costruttivo: compresi i motori di ricerca che continuano a indirizzare i consumatori verso siti illegali che agiscono a fini di lucro".

Negli ultimi anni - e a dispetto delle resistenze e perplessità di alcuni provider - il blocco dei siti pirata è diventato pratica comune in diversi Paesi europei così come in India, Indonesia, Malesia, Messico, Turchia e Corea del Sud raggiungendo risultati particolarmente efficaci nel Regno Unito e in Italia, dove le misure repressive concordate con gli ISP hanno ridotto drasticamente il traffico di piattaforme come BitTorrent. L'Italia è stato anche il primo Paese europeo a riconoscere a un'autorità amministrativa (l'Agcom) la facoltà di autorizzare direttamente il blocco dei siti.

    Il blocco dei siti pirata da parte degli Internet Service Provider è una pratica legale: lo ha sostenuto la Corte di Giustizia dell'Unione Europea decidendo su una causa intentata nel giugno del 2012 da due distributori cinematografici contro l'ISP austriaco UPC Telekabel Wien. Quest'ultimo era stato contestato in tribunale dopo essersi rifiutato di impedire l'accesso a kin.to, ai tempi il più grande portale pirata in lingua tedesca con 4 milioni di utenti giornalieri.

    "Sono particolarmente rinfrancato dalla forte e chiara posizione che la Corte ha espresso in relazione alla responsabilità degli intermediari per quanto riguarda le violazioni dei copyright", ha commentato il presidente e managing director della sezione europea della MPA (Motion Picture Association) Chris Marcich. "Un Internet sostenibile che vada a vantaggio di tutti deve operare in modo equo e corretto, seguendo regole equlibrate e proporzionate. Tutti, in questo contesto, dobbiamo svolgere un ruolo costruttivo: compresi i motori di ricerca che continuano a indirizzare i consumatori verso siti illegali che agiscono a fini di lucro".

    Negli ultimi anni - e a dispetto delle resistenze e perplessità di alcuni provider - il blocco dei siti pirata è diventato pratica comune in diversi Paesi europei così come in India, Indonesia, Malesia, Messico, Turchia e Corea del Sud raggiungendo risultati particolarmente efficaci nel Regno Unito e in Italia, dove le misure repressive concordate con gli ISP hanno ridotto drasticamente il traffico di piattaforme come BitTorrent. L'Italia è stato anche il primo Paese europeo a riconoscere a un'autorità amministrativa (l'Agcom) la facoltà di autorizzare direttamente il blocco dei siti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.