Outkast contro Rosa Parks: tutto da rifare

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha accolto l’appello di Rosa Parks.

L’icona dei diritti civili dei neri potrà così continuare la sua battaglia contro gli Outkast, rei d’aver intitolato una loro vecchia canzone proprio con il suo nome e cognome. La vicenda risale al 1998, quando il duo di Atlanta pubblicò l’album “Aquemini” contenente il brano "Rosa Parks". La Parks trascinò il gruppo in tribunale nel 1999 ottenendo però dal giudice federale l’annullamento del procedimento per via del primo emendamento che tutela la libertà d’espressione. Eccezion fatta per il titolo, la canzone degli Outkast non fa mai direttamente riferimento alla signora Parks, se non in un passaggio dov'è presente la frase “spostiamoci tutti dietro l’autobus”. Va ricordato che Rosa Parks fece storia nel 1955 (a Montgomery, Alabama) per essersi rifiutata di cedere il suo posto sull’autobus ad un uomo bianco. Questo episodio ha dato il via ad un boicottaggio dei mezzi pubblici da parte degli afro-americani durato ben 381 giorni e ad una serie di manifestazioni di protesta in tutto il sud degli Stati Uniti. Con questa nuova decisione della Suprema Corte il procedimento torna al punto di partenza: gli Outkast devono spiegare il motivo artistico che li ha spinti ad intitolare quel brano con il nome dell’attivista e dimostrare che il suo utilizzo non è stato suggerito da mere esigenze commerciali volte allo sfruttamento di una figura celebre per trarne profitto e pubblicità. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.