Lauzi su Sanremo: 'Ho fiducia in Tony Renis. Peccato ci sia Mogol'

Lauzi su Sanremo: 'Ho fiducia in Tony Renis. Peccato ci sia Mogol'

Bruno Lauzi ha un gruzzolo di canzoni pronte per Sanremo, e una è destinata a Edoardo Vianello.

Lo ha confermato lui stesso presentando alla stampa, ieri 4 dicembre, il suo nuovo disco “Nostaljazz”, un tributo alla stagione d’oro dello swing e dei musical di Broadway (vedi News). Nell’occasione, non si è fatto pregare per dare il suo giudizio sul festival incombente. “Tutti se la prendono con Tony Renis, come se la ‘mafia’ a Sanremo non fosse mai esistita. Io invece ho fiducia in lui, finalmente il festival torna nelle mani di un esperto che vanta anche amicizie importanti nel mondo musicale internazionale. E se qualche cantante straniero si farà convincere a cantare in italiano, tanto di guadagnato. Peccato ci sia Mogol…”. E’ il ruolo del CET, “l’università della canzone” che il celebre paroliere gestisce dal suo buen ritiro umbro, a non andargli giù, evidentemente. “Non la capisco e non mi piace, questa storia dell’asilo nido, del centro di rieducazione per cantanti. Mi ricorda tanto il vecchio motto 'Arbeit macht Frei'… Io al CET ci sono stato come docente, una volta. Ricordo che a tavola non c’era il vino e mi spiegarono che lì non si bevevano alcolici. Poi gli allievi mi raccontarono che non gli lasciavano grattugiare il formaggio sulla pasta, che alle ragazze veniva imposto di mettersi i calzoncini e di giocare a pallone. Mogol mi chiese se avevo spiegato ai ragazzi perché i testi di Baglioni e De Gregori non sono buoni. Ma scherziamo?”. .


A parte queste riserve, Lauzi si mostra cautamente fiducioso sull’esito del Sanremo 2004. “Quel che è certo è che Renis e Mogol cambieranno il linguaggio e le regole del gioco. E cambiare il linguaggio, la storia e la politica lo insegnano, è l’anticamera delle rivoluzioni. Speriamo non vada a finire come l’anno scorso, quando Pino Massara, membro della commissione artistica, mi spiegò che una mia canzone era stata scartata perché in gara c’erano già troppi lenti. Se mi escludono anche quest’anno voglio sentire i pezzi scelti da Renis: se non ce ne sono almeno tre o quattro buoni tolgo il saluto anche a lui”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.