Radio in Italia: servirebbero davvero le 'quote azzurre'? I numeri

Radio in Italia: servirebbero davvero le 'quote azzurre'? I numeri

La questione - ricorrente, tra gli addetti ai lavori, e puntualmente ispirata a una (controversa) normativa francese che dal 1994 impone alle emittenti radiofoniche transalpine una quota del 35 % nella programmazione musicale di brani cantati in francese - è stata riproposta, recentemente, dagli Amici della Musica, associazione supportata da Audiocoop fattasi promotrice di una campagna (sottoscritta da artisti come Piero Pelù, Eugenio Finardi e Piotta) che si propone, nell'ambito di un "contratto di servizio" stipulato con la Rai e con i maggiori network privati, di imporre una quota pari al 40 % di musica italiana all'interno della programmazione quotidiana, con un ulteriore 20 % destinato alla promozione di giovani talenti.

I responsabili dei palinsesti delle emittenti nazionali - lo abbiamo verificato qualche tempo fa - non hanno dimostrato entusiasmo, appellandosi alla libertà, garantita dall'ordinamento attuale, di avere le mani libere (e di rispondere, quindi, solo ai propri editori e ai propri ascoltatori) nel compilare la programmazione.

Fino ad oggi, però, nessuno si è mai preoccupato di andare effettivamente a verificare quanta musica italiana viaggi sull'etere e rimbalzi sulle casse degli impianti di auto, negozi e case nella Penisola: la domanda, Rockol l'ha posta a Earone, società di rilevamento radiofonico che dal 2008 monitora - quotidianamente - l'andamento delle programmazioni dei network che operino nel nostro Paese.

Per verificare le percentuali di musica italiana e straniera trasmesse dalle radio nazionali è stato preso in esame un intervallo temporale compreso tra il 31 gennaio del 2014 e lo scorso 20 marzo, andando a esaminare il numero di passaggi delle canzoni presenti nella top 100 dei brani in rotazione sui maggiori network nazionali (per alcune settimane il totale di brani è superiore a 100, per tenere conto degli ex aequo).

Tra il 31 gennaio e il 6 febbraio scorsi, su un totale di 111 brani distribuiti tra 67702 passaggi, 38 canzoni italiane hanno totalizzato 22734 passaggi, mentre 73 canzoni straniere ne hanno accumulato 44968: in percentuale, la produzione made in Italy ha occupato il 34% del repertorio trasmesso e il 34% dei passaggi totali, lasciando le restanti percentuali - identiche, del 66% - alla produzione straniera: nelle due settimane successive - quelle comprese tra il 7 e il 20 febbraio - la situazione è rimasta pressoché identica, con un campione di brani numericamente molto simile, rispettivamente di 112 e 105, diviso in 33% (su titoli e passaggi) di canzoni italiani e di 67% di produzione straniera.

Al (quasi) pareggio ci si è arrivati nella settimana tra il 21 e 27 febbraio, quella successiva al Festival di Sanremo: l'"effetto Ariston" ha spostato l'equilibrio a favore della produzione nazionale con - su un totale di 106 canzoni ruotate in top 100 distribuite in 69840 passaggi - poco più di 40% di brani italiani e poco meno del 60% di stranieri. Si torna, a piccoli passi, alla situazione pre-sanremese solo sette giorni più tardi: tra il 28 febbraio e il 6 marzo, al fronte di 104 brani spalmati su 69592 passaggi, poco più del 38% ha interessato musica di produzione nazionale, contro poco meno del 62% riservato alla produzione straniera.

La tendenza si consolida nella settimana successiva, quella compresa tra il 7 e il 13 marzo, e la forbice tra produzione nazionale e straniera torna ad allargarsi. Ancora 104 i brani passati dalla top 100, 69358 il totale dei passaggi, con un dato però lievemente diverso rispetto a quelli fatti segnare nelle precedenti settimane: la percentuale di titoli italiani sul totale è stata del 35%, facendo segnare però un 37% sul totale dei passaggi, al fronte del 65% di brani stranieri presenti della top 100 dei più trasmessi fermatisi, però, al 63% della percentuale sui passaggi. In pratica, le canzoni italiane, tra il 7 e il 13 marzo, sono state numericamente meno rispetto alla concorrenza straniera, ma - in proporzione - sono state più trasmesse.

E il trend non muta, se non per un lieve spostamento a favore del repertorio tricolore, anche nell'ultima settimana presa in considerazione, quella compresa tra il 14 e 20 marzo: 107 i brani presenti della top 10 delle emittenti monitorate, per un totale di 68657 passaggi dei quali 26478 sfruttati dalle 40 canzoni italiane trasmesse, e 42179 appannaggio delle restanti 67 opere straniere. Vale a dire, traducendo in percentuali, che la produzione ha abbia occupato il 37% dei titoli e il 39% dei passaggi, contro - rispettivamente - il 63 e 61 della produzione internazionale.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/qk_0w7cNrapNyw4LK4R06CxNJuU=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fwww.rockol.it%2Fimg%2Ffoto%2Fupload%2Ftabella_classifica_earone.jpg

(Nella tabella, le percentuali settimanali di musica italiana e internazionale trasmesse dalle oltre 110 emittenti monitorate da Earone)



Volendo sintetizzare a tutti i costi, si potrebbe dire che dall'inizio dell'anno a oggi, nella programmazione radiofonica delle oltre 110 emittenti monitorate da EarOne in Italia, su tre canzoni due siano straniere e una italiana: una percentuale di certo inferiore, anche se non di molto, a quella proposta da chi vorrebbe regolamentare le percentuali con le cosidette "quote azzurre".

Che effetto sortisce, tuttavia, questa spartizione dell'etere tra repertorio straniero e domestico sulle vendite di album? Il rilancio sulle emittenti della produzione nazionale potrebbe fare da volano - come sostengono i fautori della politica protezionista nei palinsesti - alla discografia tricolore?

I dati IFPI riferiti al 2013 - che vedono, tra l'altro, il mercato europeo risalire (del 4,3%) per la prima volta dopo dodici anni di contrazione - raccontano un'altra storia. In Francia, per esempio, dove le quote radiofoniche di musica nazionale sono legge ormai da anni, la percentuale di produzione domestica (album) venduta nel corso dell'anno passato è dell'80%, mentre in Italia, dove - appunto - provvedimenti protezionistici ancora non sono stati introdotti, è - sempre in riferimento al 2013 - di dieci punti percentuali superiori, del 90%.

Il nostro Paese, sempre secondo il rapporto IFPI, è ai vertici mondiali - insieme a Brasile e Svezia, dove, nel caso di quest'ultima, la fruizione musicale è per larga parte passata, dalle radio tradizionali, ai servizi di streaming - per percentuale di vendite nazionali, secondo solo a Giappone e Corea del Sud, dove - pur in assenza di disposizioni che regolino le quote nella programmazione radiofonica - la produzione domestica occupa il 100% del mercato. Francia, Danimarca e Olanda si fermano all'80%, seguite dalla Germania, dove la produzione locale rappresenta il 70% del mercato: peggio fanno solo Norvegia e Spagna, col 60%, e Portogallo e Malesia, dove album stranieri e album nazionali si spartiscono in parti uguali le vendite.

La discrepanza tra il dato radiofonico e quello di mercato, in ogni caso, non deve stupire: già l'indagine sui risultati nella classifica del 2013 dei dischi italiani presentati al penultimo festival di Sanremo ha dimostrato il definitivo crollo di quello che è un dogma - se non "il" dogma - di chi suole definirsi addetto ai lavori in ambito musicale, ovvero l'inscindibile legame di causa-effetto tra visibilità e popolarità. Le testimonianze raccolte parlando coi programmatori radiofonici ci hanno restituito l'immagine di un rapporto univoco e esattamente contrario a quello immaginato dai più: oggi come oggi è semmai la popolarità a dare visibilità, non più il contrario. La ragione, tutto sommato, è semplice: se agli albori del music biz il media capace di convogliare l'attenzione di tutto il pubblico era solo uno - la radio, appunto, oggi - con un'audience sempre più frammentata e con sempre più canali adattabili alle esigenze del fruitore (come nel caso dei servizi di streaming online, che in paesi come la Svezia ormai rappresentano uno dei canali principali) - la popolarità si raggiunge in altri modi. Modi soggetti a molte più variabili, rispetto al passato, e quindi meno addomesticabili dal discografico o promoter di turno.

E i media? In un periodo di crollo verticale del volume di inserzioni e di disperata rincorsa ai grandi numeri tutti, ma proprio tutti, inseguono il nome (o il brano, radiofonicamente parlando) del giorno, rafforzando la spirale per la quale la visibilità viene concessa a chi - di per sé - non ne avrebbe bisogno, o a chi comunque già ne gode. Un china pericolosa? Può darsi: la risposta, immaginiamo, arriverà tra qualche anno, quando - numeri alla mano - sarà possibile capire quali linee editoriali avranno pagato.

Rimane aperta, infine, la questione quote azzurre. L'impressione, dopo l'esame dei dati FIMI che certifica come il 90% delle vendite di dischi in Italia sia occupata da produzioni nazionali, è che agli Amici della Musica più che al "40 % di musica italiana all'interno della programmazione quotidiana", possa interessare l'"ulteriore 20 % destinato alla promozione di giovani talenti". Categoria, quella dei "giovani talenti", difficilmente identificabile, perché se il "giovani" associato a talenti è da intendersi anagraficamente, nella top 10 degli album più venduti in Italia nel 2013 di giovani ce ne sono - Moreno, Emma e Fedez, solo per citarne alcuni. Se invece per giovani talenti si intende quelli legati a etichette indipendenti, il discorso cambia: nella album chart nazionale dello scorso anno a fare la parte del leone è stata la Universal-EMI, seguita da Sony Music e Warner. Le indie sono state costrette ad accontentarsi, in termini di percentuali di quote di mercato, della fetta più piccola della torta, pur centrando successi come Salmo (Tanta Roba) e Emis Killa (Carosello), senza contare Renato Zero (Tattica) e Modà (Ultrasuoni).


https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/UOt9Uq_8POFmkS9S81XsrMXyFPA=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fpoptopoi.com%2Fwp-content%2Fuploads%2F2014%2F01%2FFIMI2013.005.png

Qui sopra sono riportate, in percentuale, le nazionalità degli artisti presenti della top 10 degli album (a sinistra) e dei singoli (a destra) - da poptopoi.com.



https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/sN-dByzT6neUBf9l5m_4sbKfvMg=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fpoptopoi.com%2Fwp-content%2Fuploads%2F2014%2F01%2FFIMI2013.006.png

Qui sopra sono riportate, sempre nelle stesse classifiche, le percentuali di presenza in relazione alle case discografiche - da poptopoi.com.


(Davide Poliani)

Dal 2009 EarOne ( www.earone.it ) opera in ambito musicale con un sistema di classifiche di airplay, sia radiofoniche che televisive, servendo tutte le tipologie di clienti della filiera della musica - dai partner istituzionali come le associazioni di categoria e le società di collecting ai differenti operatori del mercato musicale. Ha introdotto l'aggiornamento in tempo reale dei classici servizi offerti nell'ambito dell'airplay musicale: classifiche, playlist di radio e Tv, ricerche dettagliate su chi passa quali brani, analisi di market share di emittenti ed etichette. Offre inoltre il servizio MediaSender, che consente di personalizzare l'invio di contenuti digitali.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.