Web radio, Pandora alza il canone: 'Colpa delle royalty ad autori e interpreti'

Web radio, Pandora alza il canone: 'Colpa delle royalty ad autori e interpreti'

La reazione è stata pressoché immediata: costretta pochi giorni fa da un tribunale americano ad alzare il livello della royalty versata agli autori e compositori associati all'ASCAP (passando da circa 1,77 % all'1,85 % dei ricavi annui), la Internet radio Pandora ha subito alzato il canone di abbonamento allo streaming senza interruzioni pubblicitarie previsto dall'opzione PandoraOne. Il prezzo, per i nuovi utenti, è salito da 3,99 a 4,99 dollari al mese, anche se gli abbonati preesistenti continueranno a pagare la vecchia tariffa.

Sul suo blog la società non ha nascosto che il rincaro è dovuto proprio all'aumento dei tassi di royalty: "Siamo stati fortunati di poter offrire PandoraOne a un prezzo abbordabile a partire dal suo debutto nel 2009, a 36 dollari all'anno e, in seguito, con l'introduzione di un abbonamento mensile a soli 3,99 dollari al mese". "In questo stesso arco di tempo", aggiunge il messaggio, "i costi di distribuzione del servizio sono aumentati considerevolmente. Per esempio, i tassi di royalty che Pandora paga agli interpreti attraverso SoundExchange per l'ascolto in abbonamento sono cresciuti del 53 % negli ultimi cinque anni e cresceranno di un altro 9 % nel 2015".

Circa 3,3 milioni dei 76,2 milioni di ascoltatori mensili di Pandora sono iscritti all'opzione PandoraOne; come noto, la Web radio è per ora disponibile solo negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda (l'espansione in altri Paesi è stata bloccata da questioni relative alle licenze internazionali). Negli Usa la società domina il mercato dell'audio streaming e della radiofonia online, ma da tempo discute animatamente (e nelle sedi legali) con artisti, case discografiche ed editori musicali sul tema chiave dell'entità delle royalty.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.