L'ad di Pono: 'Corriamo su una pista diversa, rispetto a iTunes e Spotify'

Le curiosità del pubblico a proposito di Pono, il nuovo lettore digitale hi-fi presentato da Neil Young al SXSW di Austin, verranno esaudite a partire dal mese di ottobre, quando i primi apparecchi saranno immessi sul mercato al prezzo di circa 400 dollari. Intanto l'amministratore delegato della nuova società, Jon Hamm, spiega che - pur lanciando una piattaforma che venderà album ad alta risoluzione al prezzo di 15-25 dollari l'uno - non è sua ambizione cercare di fare concorrenza ad iTunes e ad Amazon MP3, né tantomeno ai servizi di streaming e di raccomandazione musicale come Spotify (anche perché il suo catalogo sarà forzatamente molto ristretto).

L'idea, scrive Eliot Van Buskirk di Evolver.fm riportando le dichiarazioni rilasciate dallo stesso Hamm nel corso di un panel intitolato "Is 2014 the return of the home stereo?", è piuttosto quella di fare di Pono una specie di "giradischi portatile" per chi esige di ascoltare musica come si deve anche quando si sposta in giro per la città o per il mondo. "Siamo cavalli diversi che corrono su piste diverse", ha spiegato Hamm a proposito delle differenze tra Pono e gli altri protagonisti della musica digitale, "e quel che conta è il contesto in cui si ascolta la musica. Io sono un utente di Spotify, dispongo di un sistema Sonos e ovviamente adoro anche Pono. Dipende semplicemente da quale musica desideri, quando ti metti ad ascoltarla".

"Lasciamo che siano questi ragazzi a prendersi cura della scoperta musicale e di quel tipo di cose", ha aggiunto facendo riferimento al direttore marketing di Spotify Tim Grimsditch. "Non credo che quello sia il nostro ruolo nell'industria. Quel che le nostre ricerche ci dicono è che la gente ama la musica più di quanto si creda". "Noi", ha concluso, "cercheremo di completare i cataloghi di artisti che hanno un grande seguito: Rolling Stones, Neil Young...i nomi li sapete: gente con alle spalle più di 15 o 20 album significativi".

Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.