Il 'mix' di De Gregori: musica e immagini per 'non prendersi troppo sul serio'

Il 'mix' di De Gregori: musica e immagini per 'non prendersi troppo sul serio'
C'era un volta il De Gregori cantautore. C'era una volta il De Gregori che faceva dischi e, ogni tanto, li andava a suonare in tournée. C'era una volta un De Gregori rigorosamente compreso nel suo ruolo.
Oggi c'è un altro De Gregori: un musicista che si diverte a stare sul palco (su ogni genere di palco) e a fare il cantante di una rock band. Che si applica con metodica casualità, o con metodo del tutto casuale, a scomporre e ricomporre i pezzi del suo catalogo discografico, pubblicando “riassunti”, revisioni, antologie e dischi dal vivo come se piovesse. “Mix”, per esempio: un doppio CD parte in studio e parte dal vivo, antologico e con qualche inedito, che arriva nei negozi oggi, venerdì 21 novembre, in compagnia di un Dvd gemello, “Mix film”, video-reportage delle ultime stagioni concertistiche con il corredo di un'intervista e una manciata di videoclip (vedi News). Sono passati cinque anni e un solo album di inediti dalla sua ultima raccolta, “Curve nella memoria”. E due anni appena dall'ultimo disco dal vivo, “Fuoco amico” (ha inciso più live De Gregori che tutti i cantautori della sua generazione messi assieme). Non teme, Francesco, di essere ridondante? “Ridondante? Non credo. Quando faccio un nuovo disco, non è che obbligo la gente a comprarlo puntandogli la pistola alla testa. Mi diverte l'idea di continuare a documentare in qualche modo quel che faccio sul palco. Mi piace che chi non ha avuto modo di venire ai concerti possa ascoltare com'è diversa da quella originale la versione 2003 de 'L'agnello di Dio': una canzone che oggi amo particolarmente, e che ai tempi venne presa soprattutto come una provocazione. Faccio uscire troppi album dal vivo? Ma per un artista la parola 'troppo' non significa nulla: un pittore fa i quadri che si sente di fare, e lo stesso fa un musicista con i dischi. Le considerazioni di mercato vengono dopo”.
Come il sommo Dylan, De Gregori non è di quelli che amano praticare la strategia dell'assenza per rendersi più misteriosi e appetibili al pubblico. E, se potesse, suonerebbe anche di più di quel che già fa. “Il concetto stesso di tour, l'idea di prendere in mano un calendario e fissare a priori una serie di date per i miei concerti, non mi piace più. Chi fa il nostro mestiere dovrebbe essere sempre pronto alla chiamata: come un avvocato, o chi guida un'ambulanza. Se mi chiamano a suonare, io ci vado”. Il nome di mr. Zimmerman ricorre, inevitabilmente, nei crediti di “Mix”, con la già nota versione italiana di “If you say her, say hello” (“Non dirle che non è così”) inserita recentemente nella colonna sonora di “Masked & anonymous” (vedi News), e quella finora inedita di “I shall be released”. “'Come il giorno' risale al periodo del tour con Fiorella Mannoia, Ron e Pino Daniele. E' stato il mio mandolinista, Marco Rosini, a suggerirmi di tradurla. Conosco bene la versione che la Band ne fece in 'The last waltz' e in un paio di giorni ho completato il lavoro. Ho sentito 'Masked & anonymous', naturalmente, e ad un primo ascolto sembra un progetto folle, con quella versione depistante di 'My back pages' fatta da un gruppo giapponese (si chiamano Magokoro Brothers, per la cronaca). Magari ad un ascoltatore americano farà lo stesso effetto la mia versione di 'If you see her, say hello'. E probabilmente il tutto assumerà un senso nel momento in cui avremo modo di vedere il film”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!
5 dic
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.