Neil Young lancia Pono al SXSW: 'La qualità al 5% è diventata uno standard'

Neil Young lancia Pono al SXSW: 'La qualità al 5% è diventata uno standard'

Nell'ambito del SXSW Festival di Austin, Neil Young ha ufficialmente presentato al mondo Pono - ossia la sua nuova tecnologia audio e il relativo player. Il tutto è, peraltro, stato finanziato tramite una campagna su Kickstarter, già chiusa visto che l'obiettivo di raccogliere 800.000 dollari è stato centrato.

Durante il suo discorso introduttivo Young ha spiegato: "L'audio di alta qualità non interessa alla gente che si occupa di investimenti. Già all'epoca pensavo che i cd non fossero il massimo perché non riuscivo a sentire l'effetto eco ascoltandoli e infatti ne aggiungevo sempre un sacco... era l'indicatore che qualcosa non andava".
Insomma, l'impatto dell'avvento dei supporti digitali per Neil è stato negativo. "Mi piace ascoltare a tutto volume sia il rock che la musica acustica, qualunque cosa sia voglio spingerla al limite. Ma quando ho iniziato ad avere a che fare con gli apparecchi digitali a metà anni Ottanta ha cominciato a non piacermi più. Era un segno che le cose non funzionavano e io mi sono lamentato e ho rotto le scatole a questo proposito".

Il formato mp3, ovviamente, è quello che ha fatto decidere a Young di creare la tecnologia Pono: "...e poi è arrivato l'mp3 e l'industria musicale si è trovata con le spalle al muro. I tecnici del suono che amavano la musica, tutti gli arrangiatori e i musicisti che utilizzavano grandi orchestre, macchinari e studi di registrazione hanno iniziato a sparire. E' impressionante come la cultura più viva e creativa abbia iniziato a scomparire per colpa dell'mp3, dell'abbrutimento della musica al punto da renderla quasi irriconoscibile. [...] La qualità al 5% è diventata lo standard mondiale. Al contrario il cinema è andato nella direzione opposta, verso una risoluzione sempre più alta. Tutto è diventato migliore e più facile da usare per gli utenti, tutto è cresciuto, ma la musica è stata affossata e molti hanno perso il loro lavoro. Questo è il tipo di danni collaterali che ha provocato l'mp3".

"Volevo fare qualcosa per questa situazione", ha continuato Young. "Sapevo che era possibile e volevo creare qualcosa che non fosse un formato, non avesse regole e rispettasse l'arte e gli artisti, che rendesse possibile farti percepire non solo quello che l'artista vuole farti sentire - ma anche quello che l'artista fa davvero. Ecco, questo è Pono".

Poi ha spiegato alcuni dettagli tecnici su Pono: "Pono può riprodurre tutti i formati audio dai 44.1 ai 192 kHz, non c'è nessun bisogno di abbassare la qualità a livello di un cd. [...] Io mi sono convertito ai 192 kHz, ma so che si possono raggiungere anche i 348 kHz e credo che, a dispetto di quello che gli scienziati dicono, la differenza si senta".
"Quando ascolto musica con Pono", ha poi raccontato il cantautore canadese, "il mio corpo si purifica. E' come una nebbia fresca, la mia anima la percepisce e riesco a fare quello che facevo una volta: ascolto. Ecco perché incido a 192kHz e ho convertito tutte le mie registrazioni analogiche in digitali a 192 kHz".

Young ha poi mostrato un video in cui diverse star - tra cui Flea (Red Hot Chilli Peppers), Dave Grohl (Foo Fighters), Elvis Costello, Mike D (Beastie Boys), Elton John e Bruce Springsteen - raccontano la loro esperienza con Pono e quanto abbiano apprezzato la sua qualità.
Il pubblico presente all'evento del SXSW ha risposto molto bene alla presentazione di Young, applaudendo spesso durante il discorso.

(Andrea Leonelli)





 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.