Google vs.IFPI: 'La pirateria? Questione di offerta legale e di prezzi'

Google vs.IFPI: 'La pirateria? Questione di offerta legale e di prezzi'

La federazione internazionale dei discografici IFPI continua a fare pressioni su Google, ritenendo "insoddisfacenti" - lo ha ribadito lo scorso gennaio l'amministratore delegato Frances Moore - gli sforzi rivolti a ridurre e frenare le attività legali in rete (in particolare degradando i link pirata nei risultati evidenziati dal suo motore di ricerca). E la Web Company di Mountain View, da parte sua, replica indirettamente alle accuse in una lettera indirizzata al governo australiano e intercettata da TorrentFreak: nella missiva, inviata nell'ambito delle consultazioni avviate dalle autorità politiche con riferimento alle modifiche da apportare alla legge sul copyright, Google spiega che si sentirebbe "delusa se il governo decidesse di intraprendere la strada di una discilpina particolarmente punitiva per combattere la pirateria senza considerare le prove che in tutto il mondo dimostrano che si tratta di provvedimenti costosi da applicare per le imprese e poco efficaci".

"Crediamo ci siano prove significative e credibili che la pirateria online è principalmente un problema di disponibilità e di prezzo", sostengono i portavoce del colosso tecnologico californiano. "Pertanto, incoraggeremmo il governo a promuovere nuovi modelli di business e un libero mercato per l'acquisto legale dei contenuti". Le posizioni, come si vede, restano apparentemente inconciliabili. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.