Warner al bivio: Parsons favorevole ad EMI, i suoi collaboratori no

Warner al bivio: Parsons favorevole ad EMI, i suoi collaboratori no
Il prossimo consiglio di amministrazione di Time Warner, convocato per giovedì prossimo (20 novembre), dovrebbe esprimere una scelta definitiva sulla strada da seguire, nella vendita ormai certa della casa discografica Warner Music (vedi News).
I reportage degli ultimi giorni riferiscono di una divergenza di opinioni tra i massimi vertici del gruppo. Il presidente e amministratore delegato Dick Parsons è convinto che il music business sia in ripresa e vorrebbe tenervi almeno un piede dentro: soluzione consentita da un accordo con la concorrente EMI, che verserebbe circa un miliardo di dollari in contanti per Warner Music lasciando a Time Warner il 20-25 % del capitale della società risultante dalla fusione. Di diverso avviso sono Jeff Bewkes (responsabile della divisione networks e entertainment) e Don Logan (capo della divisione media e comunicazioni), convinti che la musica sia un settore poco proficuo e troppo dispendioso, considerato anche il livello degli stipendi e dei “fringe benefits” di cui godono i dirigenti: la coppia vedrebbe di buon occhio la liquidazione totale dell'etichetta e delle edizioni musicali, ad un gruppo di investitori privati come quello pilotato da Edgar Bronfman Jr., Haim Saban e Thomas H. Lee Partners (la cui offerta, per il pacchetto complessivo, si aggira intorno ai 2,8 miliardi di dollari).
Time Warner ha invitato i pretendenti ad inoltrare le loro proposte entro i primi giorni della settimana, in modo da consentire una valutazione accurata delle alternative disponibili durante il prossimo cda. Dalle indiscrezioni che circolano nell'ambiente risulterebbe che gli umori prevalenti nel gruppo sono favorevoli alla seconda ipotesi (che, viste le contemporanee manovre di Sony e BMG, presenterebbe anche meno problemi di approvazione da parte degli organi antitrust). “Warner Music”, ha confessato una fonte anonima al New York Post, “è sempre stata un regno a parte. Quasi tutti, in azienda, vorrebbero lavarsene le mani”. Meno Parsons, a quanto pare.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.