Olanda, nel 2013 oscurati oltre 500 siti pirata

E' stato un annus horribilis per i file sharer olandesi, il 2013: le autorità dei Paesi Bassi, solo nel corso dell'anno passato hanno posto i sigilli a più di 500 siti che rendevano disponibili al download gratuito senza autorizzazione, attraverso un totale di 206 server, file coperti da diritto d'autore. Le disposizioni emanate circa l'oscuramento dei siti, tuttavia, potrebbero essere vanificate da una recente ratifica del tribunale dell'Aia, che ha sollevato i provider locali dalla responsabilità di rendere inaccessibili ai navigatori i server. La società anti-pirateria olandese BREIN, consapevole della scarsa efficacia del provvedimento, sta spostando la propria attenzione sugli inserzionisti - e sui relativi pagamenti - dei siti illegali.

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.