Il piano BMG-Sony: management misto, edizioni escluse dal 'merger'

Il piano BMG-Sony: management misto, edizioni escluse dal 'merger'
BMG e Sony Music hanno scoperto definitivamente le loro carte: le due major puntano ormai dichiaratamente ad una fusione societaria il cui obiettivo è la creazione di una joint venture al 50 % che includerebbe le rispettive attività discografiche ma non imprese collaterali come edizioni musicali, fabbriche di stampaggio CD e centri di distribuzione.
Lo rivelano due comunicati che i vertici aziendali hanno trasmesso nella giornata di giovedì (6 novembre) ai rispettivi dipendenti in tutto il mondo, e di cui Rockol è venuta in possesso. Ma mentre entrambe le società confermano di avere progetti in comune, è interessante notare una sensibile differenza nei toni e nei contenuti dei due “memo” interni, rivelatrice di atteggiamenti assai differenti. Nel suo messaggio, assai breve, il boss della Sony Music, Andrew Lack, si mostra assai prudente, offre commenti laconici e stringati e sottolinea che le due società “sono solo agli stadi iniziali del processo” e dovranno “assicurarsi l’approvazione delle autorità preposte alla sorveglianza dei mercati tanto a Washington che nell’Unione Europea”. Al contrario, i numeri uno di Bertelsmann (Gunther Thielen) e di BMG (Rolf Schmidt-Holtz) si rivelano molto più baldanzosi e prodighi di dettagli, confermando il loro ruolo-guida nell’intera vicenda. E’ BMG, infatti, ad anticipare informazioni sulla sede (New York) e sull’organigramma di vertice della nuova realtà che risulterebbe dalla fusione. “Rolf Schmidt-Holtz”, informa il comunicato della major tedesca (che, significativamente, evita i condizionali), “sarà presidente del consiglio di amministrazione della nuova società, assumendo contemporaneamente un ruolo attivo nella guida dei comitati preposti all’integrazione, all’audit e all’erogazione di buonuscite e liquidazioni”. Sempre secondo quanto comunica Bertelsmann/BMG, Andrew Lack assumerà l’incarico di chief executive officer della nuova major, con Michael Smellie (BMG) nel ruolo di chief operating officer e Kevin Kelleher (Sony) in quello di responsabile finanziario. Firmata la lettera di intenti, aggiungono i vertici dell’azienda tedesca, “il prossimo passo consisterà nello stilare l’accordo finale che governerà la joint venture, e nel sottoporre il progetto alla revisione degli organi antitrust”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.