Aborto: il cantante dei Van Halen attacca Pearl Jam e R.E.M.

L'attuale cantante dei Van Halen, Gary Cherone (già negli Extreme) ha scritto una lettera aperta al leader dei Pearl Jam attaccandone le opinioni a favore del diritto di scelta della donna in tema di aborto. Il messaggio appare sul sito internet dell'associazione antiabortista Right For Life Organisation. «Quale sarebbe esattamente il momento in cui possiamo considerare "vivo" un essere umano? E' il concepimento, quando tutto ha inizio? Il momento in cui un essere umano col proprio codice genetico comincia a prendere forma? Sì, esattamente... E per quale motivo questo essere umano non ha diritti mentre la madre ne ha?», sostiene Cherone. I membri dell'organizzazione rincarano la dose accusando il gruppo di Vedder e R.E.M. di istigare al reato di omicidio. «Migliaia di bambini sono morti grazie agli sforzi di Pearl Jam e R.E.M. Era ora che qualcuno come Gary levasse la sua voce per i diritti di questi bambini».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.