Comunicato Stampa: A Frascati 'Controcanto - Donne in jazz'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

DONNE IN MUSICA

“ControCanto – Donne in Jazz”

Frascati
Auditorium Scuderie Aldobrandini
9 novembre -7 dicembre 2003
H 18.30

“ControCanto”, sotto la direzione artistica di Patricia Adkins Chiti, Presidente della Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica è arrivata alla sua quarta edizione ospitata quest'anno nell'Auditorium delle Scuderie Aldobrandini a Frascati, con il patrocinio della Regione Lazio, della Provincia di Roma, del Comune di Frascati e della APT di Roma.
Il programma autunno/inverno 2003 fa parte dell'attività pluriennale della Fondazione, ed è centrato sulla rassegna di concerti dedicati alle “Donne in Jazz” affiancata da una Mostra “Donne in Jazz ….come eravamo” a cura di Attilio Berni. La mostra apre il 9 novembre – data del primo concerto e si conclude il 6 dicembre.
“Donne in Jazz” presenta alcune musiciste italiane, soliste di fama internazionale ed un gruppo del famoso “Women in Jazz” da New York.
Le musiche programmate – tutte rigorosamente da donne – presentano il passato storico, il presente ed anche il futuro. Emergere, come musicista, nel mondo del jazz è già difficile – per le donne è un'impresa ancora più complicata soprattutto quando oltre ad essere bravissime interpreti e musiciste desiderano avere un riconoscimento come compositrici. Storicamente parlando, le donne in jazz, salvo le pianiste e/o vocaliste, hanno sempre dovuto lottare per una propria visibilità creativa. Fin dagli anni quaranta alcune donne, come Mary Lou Williams, hanno aiutato le proprie “sorelle in jazz” ed in tempi recenti alcune case discografiche indipendenti hanno volutamente“sostenute ”donne” jazziste.
La rassegna parte dalle musiche di Adaline Shepard (1885 – 1950) e di Gertrude “Ma” Rainey (1886 – 1939) conosciuta come “La Regina dei Blues”, passando per le musiche di Bessie Smith, Dana Suesse, May Aufderheide, Billie Holiday per arrivare alle contemporanee regine del jazz Diane Reeves e Joni Mitchell e una carrellata di compositrici italiane da Patrizia Scascitelli e Ada Rovatti, a Stefania Tallini, Nicky Nicolai e Andreina Costantini. Si ascolteranno rag e blues per arrivare al jazz e crossover – in un programma c'è anche il “jazz dance” – e il breve cartellone include compositrici interpreti tra le più rinomate in questo momento.
Il tutto è affiancato da una mostra a cura del musicista e collezionista, Attilio Berni. “Le storie raccontate dalle foto di questa mostra, seppur diverse, sono simili nell'amore comune per la loro musica, vissuta come libertà e possibilità d'espressione. Sono ritratti intensi e toccanti, dalle quali traspariscono le atmosfere fatte di emozioni, gioia, dolori, di arte, d'improvvisazione, passione e talento che hanno colorato le loro esperienze. La passione e l'energia di una generazione di cantanti, musiciste e compositrici che hanno scelto di dedicare la propria vita alla musica.”
“Controcanto - Donne in Jazz” prevede 5 appuntamenti: ogni domenica alle 18:30 con ingresso gratuito a partire da domenica 9 novembre 2003.
Ad aprire la rassegna domenica 9 novembre "Le Italiane a New York" progetto della pianista romana Patrizia Scascitelli, da anni ormai residente a New York, quindi il 16 novembre "Ieri e Oggi -Ragtime-Jazz-Crossover" progetto della percussionista Annunziata Delli Canti, domenica 23 novembre "Est ed Ovest, è tutto Jazz" progetto con il trio della pianista Stefania Tallini con due danzatori, quindi domenica 30 novembre "Una celebrazione di Joni Mitchell e Diane Reeves" progetto della cantante Nicki Nicolai, con il suo quartetto con Stefano di Battista. A chiudere domenica 7 dicembre "Ritmi e voci dell'international Women in Jazz di New York".
Nel 1978 Donne in Musica irrompe sulla scena musicale come movimento dedicato alla promozione e presentazione di musica composta da donne in ogni tempo e parte del mondo, e di ogni genere. Grazie alla visione e determinazione di Patricia Adkins Chiti, musicista e musicologa di fama internazionale, nel luglio 1996 Donne in Musica è diventata una Fondazione Internazionale. Donne in Musica organizza festival, rassegne di concerti, mostre, ricerche musicologiche, convegni, stage di formazione. Possiede una grande biblioteca ed archivio di musica di donne (più di 28,000 documenti da partiture a CD, video, libri, quadri); collabora con istituzioni musicali e centri di ricerca in tutto il mondo.
Membro del Consiglio Internazionale per la Musica dell'UNESCO, dell'European Music Council, riconosciuta dalla Comunità Europea per il suo impegno nel campo musicale, la Fondazione Donne in Musica coordina una rete di compositrici, interpreti, docenti, ricercatrici ed associazioni in oltre 100 paesi. Dal 1996 esiste la “Dichiarazione delle Donne in Musica” che definisce la missione sottoscritta da tutte le affiliate nella nostra Rete. La Fondazione lavora per assicurare la partecipazione delle compositrici nella formulazione ed attuazione delle politiche culturali ad ogni livello e per incoraggiare, salvaguardare e far conoscere la creatività, produzione artistica, diversità musicale e culturale delle donne.

Ingresso Gratuito
Music Biz Cafe Summer: Covid e diritti, l'onda lunga della pandemia e i timori degli editori
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.